Tu sei qui

Agevolazioni fiscali previste dal Decreto Rilancio e interventi edilizi

Share button

Le agevolazioni fiscali previste dal Decreto Rilancio che elevano al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici, sono in molteplici casi correlati all'inquadramento tecnico-giuridico degli interventi edilizi che vengono proposti.

La norma in materia fiscale deve esser declinata in relazione al Testo Unico dell'Edilizia di cui al DPR n. 380/2001. Pur tuttavia i titoli edilizi che vengono rilasciati dal competente Ufficio Edilizia non possono che riferirsi alle qualificazioni tecnicogiuridiche declinate nella Legge Regionale Toscana n. 65/2014.

Le eventuali equiparazioni/assimilazioni tra le qualificazioni tecnico-giuridiche degli interventi edilizi contenute nel DPR n. 380/2001 e quelle contenute nella L.R. Toscana n. 65/2014 non possono però esser effettuate a priori e in modo generalizzato dall'Ufficio Edilizia, in quanto è necessario verificare i presupposti per ogni specifico singolo intervento edilizio proposto.

Conseguentemente tale equiparazione/assimilazione non può che esser compiuta dal richiedente l'accesso al beneficio fiscale, ovvero da tecnico professionista abilitato e incaricato dal medesimo, mediante asseverazione a termini di legge.

L'Ufficio Edilizia ha il compito di fornire informazioni ed eventuale consulenza ai competenti Uffici dell'Agenzia delle Entrate, nel caso in cui siano richiesti specifici pareri al riguardo.

 

Lunedì, 15 Febbraio, 2021