Tu sei qui

Un tributo a Vittorio Dini (EVENTO RINVIATO AL 7 MAGGIO 2022)

Share button

 

 
 

Conferenza sulla figura del Prof. Vittorio Dini  / Teatro Vasariano, Piazza del Praticino (Arezzo)  ;  7 maggio 2022   ore 16.00.

La conferenza, in programma al Teatro Vasariano il 22 gennaio p.v., centra i riflettori sulla figura del Prof. Vittorio Dini (1925-2018) con particolare riferimento al suo decisivo contributo alla nascita, in veste di cofondatore nel 1960 della fortunata esperienza del Gruppo Sbandieratori di Arezzo, antesignano di molte formazioni simili in Italia e all'estero. L'incontro, oltre che focalizzarsi sulla sua attività di studio, recupero e rilancio delle antiche tecniche della bandiera di derivazione militare, intende tratteggiare il contributo di Vittorio Dini alla promozione e regolamentazione della Giostra del Saracino e, più in generale, al panorama delle rievocazioni storiche e delle tradizioni popolari italiane. Su questo versante è da sottolineare l'impegno profuso da Vittorio Dini per promuovere, insieme ad altri studiosi aretini, l'arte dello sbandieramento nel contesto della tradizionale Giostra del Saracino, a partire dalla seconda meta degli anni sessanta. Un'operazione di innesto lungimirante che ha avuto l'effetto di impreziosire e rendere ancor più spettacolare la scenografia della Giostra al punto da metterla ben presto in evidenza tra le più rinomate manifestazioni storiche internazionali. A questo si aggiunge la divulgazioe pioneristica dello straordinario e suggestivo repertorio degli sbandieratori - classico e arricchito in itinere da nuove coreografie artistiche  - attraverso la partecipazione a numerosi eventi, in lungo e in largo per l'Italia e per il mondo, contribuendo in tal modo anche a far conoscere ed apprezzare l'immagine e la storia della città di Arezzo. Nel contempo Dini è stato accademico di ginnastica, insegnante di Educazione Fisica, docente di antropologia culturale e sociologia dei processi culturali alle Università di Urbino, Perugia e Siena-Arezzo. Autore di numerose pubblicazioni, Vittorio Dini si è particolrmente distinto, durante il periodo accademico, nello studio e divulgazione dei riti e delle mitologie che, in passato, hanno caratterizzato le culture popolari del territorio aretino, con particolare accento su quella contadina. Generazioni di studenti dei suoi corsi di laurea hanno perlustrato il territorio, in qualità di "inviati" armati di registratore, alla ricerca degli ultimi testimoni e protagonisti di quella civiltà rurale che pur assillata dalla precarietà delle risorse e dal gravoso lavoro della terra, è stata altresì capace di elaborare complessi ed intensi valori culturali e un efficace organizzazione comunitaria fondata sul reciproco scambio e la solidarietà. Da saggista Vittorio Dini raccconta quel mondo perduto affondando la ricerca sia nella narrazione orale tramandata che in quella scritta, perlopiù attraverso il genere diaristico, dagli osservatori partecipi dell'epoca. Particolarmente significativo il suo libro “Il potere delle antiche madri” dove rivolge lo sguardo a miti, espressi nei piu diversi comportamenti rituali come il culto delle acque, che hanno permesso a quel lontano mondo contadino di dare un senso alla propria esistenza e di perpetuarsi  nei secoli, in perfetto equilibrio e simbiosi con la natura. Se oggi nel territorio provinciale vengono organizzate molteplici rievocazioni storiche che riaccendono la memoria della civiltà contadina soprattutto per le generazioni più giovani, lo si deve anche a Vittorio Dini.


L'iniziativa è patrocinata dal Comune di Arezzo


ingresso gratuito fino ad esaurimento posti e accesso consentito con Green Pass e mascherina protettiva.

Si avverte che le immagini della gallery sono di proprietà del Gruppo Sbandieratori di Arezzo, della Provincia e del Comune di Arezzo e sono pubblicate esclusivamente per finalità istituzionali connesse alla promozione dell'evento. L'utilizzo delle immagini è consentito previa autorizzazione.

 

Info

Gruppo Sbandieratori Arezzo

Tel: 0575 21857
Email: info@sbandieratori.arezzo.it

Giovedì, 2 Dicembre, 2021