Tu sei qui

Ricorrenza di San Donato

Share button

Omaggi devoti al Santo Patrono e tradizionali fuochi d'artificio in Fortezza  / 6, 7 agosto 2022.

Appuntamento tra pochi giorni con la tradizionale ricorrenza di San Donato, patrono di Arezzo. Da sempre ognuno ne onora e celebra il culto a modo suo e, di certo, non solo in alcuni momenti dell'anno, ma il 7 di agosto è un giorno speciale che riporta la memoria collettiva al martirio di uno dei primi vescovi della città, avvenuto nel 362 d.c., quando le persecuzioni dei cristiani, per mano dei romani, erano all'ordine del giorno. Una coraggiosa evangelizzazione, quella intrapresa da Donato, che si fa largo tra le credenze pagane dell'epoca affondando le radici del sentimento cristiano in terra d'Arezzo e proiettandolo fino ai giorni nostri. Si spiega così, in poche parole, il legame indissolubile tra Donato e il popolo aretino, un legame sugellato nel culto e nelle varie iniziative a lui dedicate dalle istituzioni cittadine nel corso del tempo. Del resto Donato è certamente un aretino di adozione, se non anche di nascita come da alcuni sostenuto, ma soprattutto è un uomo che ha contribuito in modo significativo alla storia culturale della città conquistando, in tal modo, l'affetto e la riconoscenza di tutti. Grande è dunque l'attesa se pur smorzata, come prevedibile, da un pò di trepidazione per il ritorno delle celebrazioni a pieno regime dopo i tagli al protocollo indotti dall'emergenza sanitaria degli anni precedenti  Per quanto concerne il programma si parte il 6 agosto, il giorno precedente la ricorrenza, con lo schieramento, alle 20.30 in Piazza San Domenico, dei Musici e dei Quartieri della Giostra del Saracino affiancati dai Gruppi Storici della provincia di Arezzo nonchè dai Fanti e Vessilliferi del Comune. Successivamente il corteo si muoverà alla volta della Cattedrale riunendosi, in Piazza della Libertà, alle rappresentative del Comune capoluogo e dei Comuni della provincia guidate dai rispettivi sindaci. In Cattedrale, alle 21.30, la cerimonia religiosa, il Vespro solenne durante il quale il sindaco di Arezzo, secondo tradizione. accenderà ed offrirà un cero votivo al Santo Patrono condividendo poi  con le altre autorità il raccoglimento di fronte alle sue reliquie. Dalle 23, infine, via libera alla festa popolare e al divertimento tra le antiche mura della Fortezza Medicea. Qui toccherà, ancora una volta, ai fuochi d'artificio simboleggiare la vicinanza degli aretini a San Donato e far risplendere la notte di bagliori svavillanti che, in modo inedito, prenderanno forma in una seducente scenografia ispirata ai colori dei Quartieri cittadini.Da ricordare inoltre che accanto ai festeggiamenti civili ed istituzionali entrambe le giornate del 6 e 7 agosto saranno scandite da un nutrito palinsesto di riti ed eventi religiosi dedicati al Santo Patrono.

Giovedì, 21 Luglio, 2022