Tu sei qui

Manifestazioni commerciali a carattere straordinario e Fiere promozionali

Share button

Per manifestazione commerciale a carattere straordinario si intende la manifestazione finalizzata alla promozione del territorio o di determinate specializzazioni merceologiche, all'integrazione tra operatori comunitari ed extracomunitari, alla conoscenza delle produzioni etniche e allo sviluppo del commercio equo e solidale nonché alla valorizzazione di iniziative di animazione, culturali e sportive; straordinarie

Per fiera promozionale si intende la manifestazione commerciale indetta al fine di promuovere o valorizzare i centri storici, specifiche aree urbane, centri o aree rurali, nonché attività culturali, economiche e sociali, sportive, di promozione del territorio o particolari tipologie merceologiche o produttive

L’organizzazione di manifestazioni commerciali a carattere straordinario e di fiere promozionali è soggetta al rilascio di apposita concessione per l’occupazione temporanea di suolo pubblico.

L’organizzazione di tali manifestazioni commerciali all’interno del centro storico è consentita solo con la concessione del patrocinio da parte della Giunta Comunale. Per la procedura da seguire nella richiesta di patrocinio si prega di rivolgersi all’ufficio competente ovvero di collegarsi al seguente LINK.

Se l’evento prevede l’impiego di animali si prega di prendere contatto con l’Ufficio Tutela Ambientale, competente in materia e scaricare l'apposito modulo dalla Sezione Modulistica.
Qualora l’evento preveda attività rumorose occorre contattare l’Ufficio Tutela Ambientale, competente in materia (vedi link alla pagina dedicata dell'Ufficio Tutela Ambientale)

Alle manifestazioni commerciali a carattere straordinario ed alle fiere promozionali possono partecipare:
- operatori abilitati all'esercizio del commercio su aree pubbliche
- altri imprenditori commerciali individuali o società, purché iscritti nel registro delle imprese;
Tutti i soggetti di cui sopra devono essere in possesso dei requisiti soggettivi di cui agli artt. 11 e 12 della L.R.T. 62/2018 ed essere in regola con il DURC, ai sensi dei commi 4 e 5 dell'art. 44 della L.R.T. 62/2018

Modalità di presentazione della domanda

Prima della presentazione della richiesta di concessione temporanea di suolo pubblico, si prega di prendere contatti con l’Ufficio competente per verificare la disponibilità dell’area nella quale si intende svolgere la manifestazione commerciale.
La relativa di richiesta di concessione deve essere presentata almeno 30 giorni prima dell’evento utilizzando l'apposito modulo (vedi sezione Modulistica).
Qualora per la manifestazione sia necessaria l'installazione di strutture per il pubblico, saranno a carico del richiedente ulteriori adempimenti, come dettagliato nell'apposito modulo. Nel termine di 30 giorni antecedente la manifestazione è necessaria la predisposizione di un piano di emergenza ed evacuazione contenente le misure di safety e security adottate, da inviare, a cura degli organizzatori oltre che all'Ufficio Programmazione e sviluppo economico del Territorio, anche alla locale Questura.al seguente indirizzo di posta elettronica: gab.quest.ar@pecps.poliziadistato.it .

Nel termine di 30 giorni antecedente la manifestazione è necessario contattare la Centrale Operativa 118 dell'Azienda ASL Toscana Sud Est al fine di poter ricevere le relative prescrizioni volte a favorire la predisposizione di un piano di emergenza sanitaria. Tali prescrizioni dovranno essere comunicate anche all'Ufficio Programmazione e sviluppo economico del Territorio il quale provvederà ad inserirle nell'autorizzazione, ove prevista, La locale Centrale Operativa 118 può essere contattata con una delle seguenti modalità:
- telefono: 335 8749025
- posta elettronica: maxieventiarezzo@usl8.toscana.it

In fase di presentazione della richiesta di autorizzazione, se ritenuto necessario dagli organizzatori, si prega di esplicitare quanto segue:
- la necessità di eventuali chiusure al traffico e l'istituzione di divieto di sosta di alcune strade o tratti di queste
- la necessità della presenza della Polizia Municipale con o senza scorta.
Sarà cura degli organizzatori prendere contatto con la Polizia Municipale per concordare le modalità di svolgimento dell’eventuale servizio e gli eventuali costi a carico degli stessi, così come previsto dall'art.33 del vigente Regolamento del Corpo di Polizia Municipale. Per i contatti relativi alla Polizia Municipale vedi link seguente.

 

In allegato alla richiesta di concessione, al fine di consentire la valutazione della gara da parte dell’Ufficio competente e del Tavolo Tecnico Comunale che dovrà esprimere un proprio parere necessario per il rilascio della relativa concessione, è obbligatorio presentare:
• il regolamento della manifestazione commerciale;
• l’elenco degli espositori ammessi alla manifestazione commerciale;
• il programma;
• la planimetria dettagliata con la disposizione degli stand degli espositori nonchè di eventuali altre strutture presenti, comprese eventuali attrazioni dello spettacolo viaggiante.

La richiesta di autorizzazione, con i relativi allegati, nonché tutte le relative successive comunicazioni e/o integrazioni, può essere inviata tramite:

  • E-mail ordinaria: manifestazioni@comune.arezzo.it;
  • PEC: comune.arezzo@postacert.toscana.it;
  • per posta ordinaria all’indirizzo seguente: Comune di Arezzo – Piazza Libertà, 1 – 52100 Arezzo
  • con consegna a mano direttamente all'Ufficio Programmazione e sviluppo economico del territorio posto in Piazza A.Fanfani n. 2, oppure allo Sportello Unico del Comune di Arezzo – Servizio Protocollo, posto in Piazza A.Fanfani n. 1, negli orari di apertura degli stessi.

Ai sensi dell’articolo 123 del Regolamento di esecuzione del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.), gli organizzatori dell'evento, sono tenuti a darne avviso al Questore, almeno tre giorni prima dell’evento utilizzando l'apposito modulo scaricabile dalla sezione Modulistica.

Istruttoria del procedimento

Il rilascio della concessione di occupazione temporanea di suolo pubblico è previsto entro 30 giorni dalla presentazione della domanda, salvo eventuali sospensioni dei termini del procedimento che verranno notificati all’interessato. Qualora la domanda non risultasse regolare o completa, il responsabile del procedimento sospende i termini del procedimento, richiede l'integrazione della documentazione mancante o la regolarizzazione della domanda indicando le cause di irregolarità o di incompletezza e fissa il termine per la presentazione di quanto richiesto. Decorso inutilmente tale termine, si procederà all'archiviazione della domanda.

Tutte le richieste di manifestazioni che interessano o che si svolgono su area pubblica, saranno valutate dal Tavolo Tecnico Comunale così come previsto dall’art. 12 del Regolamento per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l'applicazione del relativo canone (COSAP). Il parere del Tavolo Tecnico Comunale è necessario per il rilascio della concessione richiesta.

Costi da sostenere

- n. 2 marche da bollo da € 16,00 (in caso di esenzione deve essere specificato il titolo che dà diritto all'esenzione). Per l’assolvimento dell’imposta di bollo può essere utilizzato anche il modulo Dich.ne sostitutiva per assolvimento marca da bollo (vedi sezione Modulistica);
-
diritti di istruttoria pari ad € 20,00 solo nell’eventualità di occupazione di suolo pubblico. Il pagamento dei diritti di istruttoria può essere effettuato così come indicato nella pagina del Servizio Tesoreria di cui al relativo LINK
 - COSAP, se previsto, il cui importo, assieme alle modalità di pagamento, è determinato, nel rispetto del vigente regolamento in materia, dalla Società ICA S.r.l. (Uffici Sede di Arezzo: Via Ristoro D'Arezzo, 76 - tel. 0575 907821), con le modalità di cui al presente LINK

Normativa

Legge regionale 23 novembre 2018, n. 62 "Codice del Commercio"
REGIO DECRETO 18 giugno 1931, n. 773 "Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza"
REGIO DECRETO 6 maggio 1940, n. 635 "Approvazione del regolamento per l'esecuzione del testo unico 18 giugno 1931-IX, n. 773, delle leggi di pubblica sicurezza"
DECRETO MINISTERIALE 19 agosto 1996 "Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo"
LEGGE 26 ottobre 1995, n. 447 "Legge quadro sull'inquinamento acustico"
Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 2/R del 08.01.2014 "Norme in materia di inquinamento acustico"
LEGGE 7 agosto 1990, n. 241 "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi"