Tu sei qui

Ascensori, montacarichi e piattaforme elevatrici

Share button

Comunicazione messa in esercizio
La messa in esercizio di ascensori, montacarichi e apparecchi di sollevamento rispondenti alla definzione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s, è soggetta a comunicazione presentata, ai sensi dell’art. 12 del DPR 162/99, dal proprietario o dal suo legale rappresentante entro 60 giorni dalla data della dichiarazione di conformità dell’impianto di cui all’art. 6 comma 5 del DPR n. 162/99 o all'art 3, comma 3, let. e) del D.lgs.n.17/2010.
A seguito della predetta comunicazione il Comune assegna il numero di matricola e lo comunica al proprietario dell'impiato o al suo legale rappresentante dandone contestualmente notizia al soggetto competente per l’effettuazione delle verifiche periodiche.
Modalità di presentazione
Deve essere presentata la comunicazione di messa in esercizio attraverso l'apposito modulo, entro 30 giorni viene assegnato il numero di matricola all'impianto.
 Allegati:
- Copia della dichiarazione di conformità UE / CE di cui all'art. 6-bis del D.P.R. 162/99 rilasciata da parte dell'installatore (per ascensori).
- Copia di dichiarazione di conformità UE / CE di cui all'art. 3 comma 3 del D.Lgs. n. 17/2010 da parte del fabbricante (per montacarichi e apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0.15 m/s).
- Copia completa e leggibile del documento di riconoscimento del dichiarante (in corso di validità).
- Attestazione di pagamento del contributo di istruttoria al Comune di Arezzo, secondo le tariffe vigenti alla presentazione della presente istanza, da effettuarsi tramite una delle modalità indicate al seguente link del Servizio Tesoreria.
- Copia del documento attestante l'accettazione dell'incarico da parte dell'organismo notificato, incaricato ad effettuare le ispezioni periodiche sull'impianto.
- Copia del documento attestante l'accettazione dell'incarico da parte della Ditta incaricata ad effettuare la manutenzione sull'impianto.
- Qualora la comunicazione di messa in esercizio venga effettuata oltre il termine di 60 giorni dalla data della dichiarazione di conformità CE/UE dell'impianto, la comunicazione di messa in esercizio deve essere integrata da un verbale di verifica straordinaria di attivazione dell'impianto effettuata dal competente organismo notificato incaricato dalla proprietà (art. 12 comma 2-bis DPR 162/99).
Comunicazione di modifica
Per impianti già messi in funzione e provvisti di numero di matricola, ai quali vengano apportate modifiche costruttive, non rientranti nell’ordinaria o straordinaria manutenzione, previste dell’art.2, Co.1, let. m) del D.P.R. 162/99 e precisamente:
  1. cambiamento della velocità
  2. cambiamento della portata
  3. cambiamento della corsa
  4. cambiamento del tipo di azionamento, quali quello idraulico o elettrico
  5. sostituzione del macchinario, del supporto del carico con la sua intelaiatura, del quadro elettrico, del gruppo cilindro-pistone, delle porte di piano, delle difese del vano e di altri componenti principali.
è necessario presentare comunicazione, ai sensi dell’art. 12 del DPR 162/99, dal proprietario o dal suo legale rappresentante.
 Comunicazione di voltura
I proprietari, i legali rappresentanti per conto di ditte e gli amministratori di condominio sono tenuti ad effettuare comunicazione nel caso in cui si verifichino variazioni in ordine alla proprietà dell'impianto (anche riferite a legali rappresentanti e amministratori di condominio) e agli affidamenti relativi la manutenzione ordinaria e le verifiche periodiche sull'impianto.
 Modalità di presentazione
Deve essere presentata la comunicazione di modifica/voltura, attraverso l' apposito modulo.
 Allegati:
  • copia della dichiarazione CE/UE di conformità di cui all’art. 6, Co 5, del DPR 162/99 o all'art 3, comma 3, let. e) del D.lgs.n.17/2010, relativa alla parte modificata o sostituita, come previsto dall’art. 12, Comma 4, del DPR 162/99.
  • documentazione relativa alla verifica straordinaria dell’organismo competente (solo in caso di modifica e non di voltura).
  • copia completa e leggibile del documento di riconoscimento del dichiarante (in corso di validità).
Ufficio Competente: 
Dove rivolgersi: 
Area tematica: