Tu sei qui

Referendum: opzione di voto degli elettori temporaneamente all'estero

Share button

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, di studio o cure mediche si trovano temporaneamente all'estero per un periodo di almeno 3 mesi, nel quale ricade la data del prossimo referendum del 20 e 21 settembre 2020, ed i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani.

Requisiti:

Per poter esercitare l’opzione di voto l’elettore deve trovarsi all'estero per un periodo minimo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione. La domanda può essere presentata anche se l’interessato non si trovi all'estero al momento della richiesta, purché il periodo previsto e dichiarato di temporanea residenza comprenda la data del prossimo referendum del 20 e 21 settembre 2020.

Per i familiari conviventi dei temporanei all'estero la legge non richiede il periodo previsto di tre mesi di temporanea residenza all'estero.

Domanda e scadenza:

L'opzione per il voto per corrispondenza deve pervenire al Comune di iscrizione nelle liste elettorali entro il 19 agosto 2020 con possibilità di revoca entro lo stesso termine. Si ricorda che l'opzione è valida solo per il voto cui si riferisce (ovvero in questo caso solo per il referendum del 20 e 21 settembre 2020).

La dichiarazione dovrà preferibilmente essere redatta utilizzando il modello di opzione scaricabile dalla sezione “Modulistica”. In ogni caso la richiesta dovrà contenere obbligatoriamente l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti di cui al comma 1 dell’art. 4-bis, resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000, e corredata di copia di un documento di identità valido del sottoscrittore (art. 38, comma 3, del DPR 28/12/2000, n. 445).

Le domande dovranno essere trasmesse all'ufficio Elettorale attraverso una delle seguenti modalità:

  1. via posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo PEC: comune.arezzo@postacert.toscana.it;
  2. via posta elettronica semplice (mail) al seguente indirizzo: elettorale@comune.arezzo.it;
  3. per lettera raccomandata indirizzata a “Comune di Arezzo, Ufficio Servizi demografici e statistica, Piazza Amintore Fanfani 1, 52100 Arezzo”
  4. per fax al numero 0575377216. Eventuali spedizioni effettuate ad altri numeri di fax del Comune di Arezzo saranno considerate non valide;
  5. allo Sportello Unico del Comune di Arezzo (Piazza Amintore Fanfani n. 1 personalmente o tramite persona delegata (munita di delega scritta e di documento di identità) SU APPUNTAMENTO
  6. recapitata a mano, anche da persona diversa dall'interessato munito di delega e copia di documento di idenità di entrambi, all'ufficio Elettorale  SU APPUNTAMENTO 

Eventuali opzioni pervenute con un diverso modello sono comunque da considerarsi valide, purché conformi a quanto prescritto dall'art. 4 bis comma 2 della legge n.459/2001 (modificato dall'art.6, comma 2, lett. a) della legge 3 novembre 2017 n.165.

Recapiti:
Ufficio Elettorale Comune di Arezzo
Piazza Amintore Fanfani, 1 52100 Arezzo
Tel: 0575377239 - 0575377774
Email: elettorale@comune.arezzo.it
Pec: comune.arezzo@postacert.toscana.it

Dove rivolgersi: