Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 25 Giugno 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Teatro Petrarca, ultimo appuntamento con la stagione di prosa e danza
Conferenze stampa

Asfaltature: il punto

21 giugno 2019 - ore 11.30 - Parcheggio del parco di Villa Severi

La lotta alla marginalità sociale

20 giugno 2019 - ore 11.30 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Teatro Petrarca, ultimo appuntamento con la stagione di prosa e danza

In scena “Il piacere dell’onestà”: sabato 24 e domenica 25 marzo alle 21

Ultimo appuntamento con la stagione di prosa e danza del Teatro Petrarca, organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo Onlus. Sabato 24 e, in replica, domenica 25 marzo, alle 21, va in scena “Il piacere dell’onestà” di Luigi Pirandello. Con Geppy Gleijeses e Vanessa Gravina. Regia Liliana Cavani, produzione Gitiesse Artisti Riuniti.

“Il piacere dell'onestà”, testo breve, ma dalla trama molto intricata, tratta la differenza tra l'essere e l'apparire, tra la realtà e la maschera. Pirandello, infatti, usa l'espediente del falso matrimonio per costringere i personaggi a rivelarsi: Angelo Baldovino, nobile decaduto e malvisto dalla società per il suo passato di imbrogli e per il vizio del gioco, su invito di un vecchio compagno di scuola, accetta di sposare Agata, giovane donna che aspetta un bambino da un nobile ammogliato, il marchese Fabio Colli.

Un matrimonio necessario a creare l'apparenza della rispettabilità per evitare lo scandalo. E l’apparenza, stavolta di onestà, che viene richiesta ad Angelo lo spinge a comportarsi in modo sincero, mentre tutti gli altri attorno a lui continuano ad essere i soliti mascalzoni. Solo Agata ne coglie il senso profondo. Così, quello che era nato come un inganno sociale si trasforma in una unione sincera.

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo