Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 16 Settembre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Scuole comunali, al via il maxi concorso
Conferenze stampa

A Staggiano si va a scuola “senza zaino”: la collaborazione al progetto del Comune di Arezzo

11 settembre 2019 - ore 12.00 - Scuola elementare Madre Teresa di Calcutta

Una nuova pista ciclabile

10 settembre 2019 - ore 10.30 - Viale Mecenate

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Scuole comunali, al via il maxi concorso

L’assessore Tanti: “con la Giunta Ghinelli stabilità e investimenti nel settore educativo. Il lavoro buono e giusto è la prima risposta sociale”

Circa 700 persone per cogliere l’occasione della vita: un posto fisso per il loro futuro che darà stabilità al sistema educativo comunale con il maxi concorso che, bandito un mese fa, sarà espletato entro luglio, in modo da garantire il personale necessario per l’apertura dei servizi.
“Dopo le 11 assunzioni già fatte, infatti è in arrivo il maxi concorso per altri 4 educatori. E così – dichiara l’assessore Lucia Tanti – siamo a quota 15 assunzioni per le scuole comunali, che daranno stabilità, prospettiva e qualità al sistema educativo municipale. Mentre il precariato scoppia nello Stato e collassa un sistema impazzito, il Comune di Arezzo mantiene la promessa: educazione al centro di politiche e investimenti. Questo è un modello che ci ha ispirato fin dall’inizio del mandato: fare dell’educazione un punto forte dei servizi, ma non solo. Dare buone e vere opportunità di lavoro è l’unica risposta concreta anche alla fragile situazione che stiamo vivendo. Decidere di sostituire i pensionamenti – prosegue Tanti – con vere assunzioni, senza quindi maggiori costi ma con equilibrati investimenti, è una scelta politica che credo faccia onore alla Giunta e a tutta la maggioranza.
Il principio è sempre il solito: meno assistenzialismo, più opportunità di lavoro, contenimento dei costi, ma mai risparmi che diventano disservizi. In questi mesi in molti ci hanno chiesto quale modello sociale avevo in mente. La risposta è tutta qui: un modello che punta sull’educazione, sui servizi alla famiglia e sul lavoro buono e giusto che dà stabilità a tutti”.  

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo