Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

giovedì, 27 Febbraio 2020
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Palestra della scuola Vasari devastata. La rabbia di sindaco e vicesindaco
Conferenze stampa

Una nuova viabilità

28 febbraio 2020 - ore 12.00 - Borgo a Giovi

Saracino del cuore

27 febbraio 2020 - ore 11.00 - Sala del camino

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Palestra della scuola Vasari devastata. La rabbia di sindaco e vicesindaco

Ghinelli: “un gesto contro la comunità intera”

“Nonostante gli sforzi dell’amministrazione per migliorare la condizione strutturale e il decoro degli edifici scolatici, ecco che arriva qualche vandalo a vanificare quanto fatto”. È un sindaco Alessandro Ghinelli particolarmente arrabbiato quello che ha verificato di persona i danni sofferti dalla palestra della scuola Vasari a seguito di un’azione notturna. “Stavolta non c’è stata una semplice effrazione ma dobbiamo purtroppo registrare danneggiamenti a giochi e armadietti – prosegue il sindaco – ed è disarmante constatarlo. Se questi vandali credono di compiere un gesto contro l’amministrazione si sbagliano, l’atto è contro i ragazzi che frequentano la scuola e l’intera comunità. Risponderemo intensificando i controlli e dando ogni supporto possibile a chi conduce le indagini”.

Anche il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini ha rilevato come “la politica di intervento sui plessi scolastici attuata dall’amministrazione comunale, tesa a restituire dignità a questi edifici rischia di essere compromessa. La scuola Vasari subisce nell’arco di un periodo temporale piuttosto breve il terzo atto vandalico. Stavolta abbinato a una vera e propria devastazione di ambienti che è la firma più evidente dell’inciviltà di chi li ha compiuti”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo