Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 18 Giugno 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa “Il pronto soccorso ha bisogno di… soccorso”
Conferenze stampa

Piazza Guido Monaco in fiore

18 giugno 2019 - ore 15.30 - Piazza Guido Monaco

Parco Pertini: la riqualificazione

13 giugno 2019 - ore 11.00 - Laghetto all'interno del parco

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Il pronto soccorso ha bisogno di… soccorso”

Dichiarazione del consigliere comunale Roberto Bardelli

Si ode forte e chiaro il grido di rabbia e di aiuto da parte di medici, infermieri e personale o.s.s. sulle condizioni di disagio che sempre di più si verificano al pronto soccorso di Arezzo.

La situazione è da tempo difficile e con il picco influenzale sono esplose in modo drammatico le carenze e le problematiche. È chiaro che il bacino di utenza del San Donato è molto ampio e lasciare di notte, a quanto si legge, solo due medici e pochissimi tra infermieri e o.s.s. per 94 posti letto è cosa alquanto discutibile e al limite della natura umana.

La riorganizzazione di questo fondamentale servizio per i cittadini non può più essere rimandata, la Asl deve ascoltare la voce degli operatori sanitari e darsi da fare per risolvere un problema, latente da molto tempo e ora esploso in modo drammatico.

Bisogno fare molto presto, prima che succeda qualche tragedia. La principale struttura sanitaria del territorio ha dei punti di criticità enormi: il pronto soccorso è la punta dell’iceberg e come tutte le punte degli iceberg emerge sopra il livello delle acque ed è dunque la parte più visibile. Sotto, tuttavia, resta un blocco enorme di problemi nascosti che coinvolgono i reparti: organizzativi, di mancanza di spazi, di posti letto, addirittura di barelle, di prestazioni che dovrebbero essere garantite e che garantite non sono. Problemi che solo la professionalità del personale riesce a tamponare e che spingono sempre di più i cittadini a rivolgersi a strutture e studi privati, dalle banali operazioni alla cura delle gravi disabilità. Al di là dei sorridenti proclami e dei… Desideri ottimistici.

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo