Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

sabato, 14 Dicembre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa “I centri di aggregazione sociale capifila per una città no-slot”
Conferenze stampa

Nuovi progetti di servizio civile

16 dicembre 2019 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

L’asfaltatura di via Buonconte da Montefeltro e della S.P. Catona

16 dicembre 2019 - ore 11.30 - Bar di Tregozzano

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“I centri di aggregazione sociale capifila per una città no-slot”

Nota dell'assessore Lucia Tanti

“Per i centri di aggregazione sociale sono stati otto mesi particolarmente significativi. Il regolamento approvato dal Consiglio Comunale nel dicembre scorso ha dato una disciplina organica e un quadro di riferimento certo e coerente che definisce le modalità di rapporto con l’amministrazione comunale. A seguire, è nato il coordinamento, il luogo deputato a realizzare gli obiettivi di cooperazione tra centri sociali e amministrazione comunale per il raggiungimento delle loro finalità sociali, solidaristiche, educative e culturali. E ancora: la ricognizione dello stato degli immobili in collaborazione stretta con l’assessore Tiziana Nisini. Tutti atti di questa amministrazione per rendere i centri un capitale per il territorio e un presidio aperto a tutti. D’altronde, un centro è realmente ‘sociale’ se aggrega in maniera condivisa.

Ma c’è un altro aspetto ‘sociale’ che mi preme rimarcare ed è per questo che ho scritto una lettera aperta a tutti i Cas. Il mio obiettivo è, infatti, non solo renderli no-slot ma anche luoghi che sensibilizzino i cittadini a una battaglia contro le fatidiche macchinette mangia-soldi. Fare dei centri di aggregazione luoghi liberi da questo genere di pericolosi ‘passatempi’ significa valorizzarne il ruolo di soggetti attivi di comportamenti etici e miranti alla coesione. I Cas sono già un esempio, rafforziamolo con scelte concrete e coerenti”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo