Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 18 Giugno 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa “15.44 le telecamere di sicurezza vedono cose bellissime” del collettivo Agostino Bontà
Conferenze stampa

Piazza Guido Monaco in fiore

18 giugno 2019 - ore 15.30 - Piazza Guido Monaco

Parco Pertini: la riqualificazione

13 giugno 2019 - ore 11.00 - Laghetto all'interno del parco

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“15.44 le telecamere di sicurezza vedono cose bellissime” del collettivo Agostino Bontà

Domenica 19 marzo alle 18,15 al Teatro Mecenate

Continua la IX edizione della rassegna INVITO DI SOSTA Appuntamenti con la danza contemporanea d’autore ideata e organizzata dall’Associazione Sosta Palmizi in collaborazione con il Comune di Arezzo.

Domenica 19 marzo alle 18,15 al Teatro Mecenate, va in scena “15.44 Le telecamere di sicurezza vedono cose bellissime” spettacolo del collettivo Agostino Bontà; co-prodotto dall’Associazione Sosta Palmizi.

Sedie in formica. Un tavolo. Una poltrona. Una lampada. Pochi elementi delineano un interno. Uno spazio viene costruito e decostruito dalle figure che lo attraversano. Una telecamera-spia puntata su quello che avviene alle 15.44 del pomeriggio. Ipoteticamente. Vecchie pellicole, idoli rock, stratificazione di linguaggi e riferimenti. Cinque figure danno vita a degli interni; in ogni episodio si dispiega l’evocazione di un ambiente. Alla stregua di un set cinematografico, gli interni si disgregano velocemente e rivelano la loro natura effimera. Le diverse dimensioni della presenza si sovrappongono e si ribaltano. Le relazioni spaziali stabiliscono ruoli ed equilibri mutevoli tra gli inquilini, dando vita a un montaggio scenico dove i diversi piani della rappresentazione si incrociano in una dissolvenza continua. Le gerarchie tra il “dentro” e il “fuori” si riducono, tecnica e poetica si confondono e i frammenti drammaturgici si stagliano al di sopra di un furore combinatorio.

L’epilogo raduna tutto il vicinato per una cena di Natale, di compleanno, di laurea: nel ritrovarsi le dimensioni sono costrette a convivere, travolte da un’insolita inquietudine e percorse da grotteschi tentativi di morte. Il fallimento e l’inerzia hanno paradossalmente la meglio.

Autori e interpreti: Francesca Antonino, Simone Evangelisti, Elena Giachetti, Elisa Pol, Valerio Sirna; produzione Agostino Bontà e Associazione Sosta Palmizi, in collaborazione con La Corte Ospitale - Forever Young con il sostegno di H(abita)T - Rete di spazi per la danza, Comune di Budrio (BO), Crexida/Fienile Fluò (BO), Drama Teatro (MO), Armunia Castiglioncello (LI).

Al termine dello spettacolo il pubblico potrà confrontarsi con gli artisti, partecipando a un momento di conoscenza e approfondimento reciproco.

Ingresso spettacoli: intero 10 euro, ridotto 8 (over 65, studenti, disabili)

Associazione Sosta Palmizi 0575 630678 / 393 9913550 / info@sostapalmizi.it / www.sostapalmizi.it

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo