Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

domenica, 21 Aprile 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 Giulio Scarpati e Valeria Solarino in scena con “Il Misantropo”
Conferenze stampa

Camminate per il Pionta

23 aprile 2019 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Parcocorsa: diciannovesima edizione

18 aprile 2019 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Giulio Scarpati e Valeria Solarino in scena con “Il Misantropo”

Con il capolavoro di Molière prosegue la stagione del Teatro Petrarca

Nuovo appuntamento con il cartellone voluto dalla Fondazione Guido d’Arezzo, insieme alla Fondazione Toscana Spettacolo onlus e al Comune di Arezzo. Giulio Scarpati e Valeria Solarino sono i protagonisti de “Il Misantropo”, in scena al Teatro Petrarca sabato 16 e domenica 17 febbraio alle 21, per la regia di Nora Venturini. Tra commedia e tragedia si riscopre l’attualità di un testo immortale che ironizza sull’ipocrisia, le ambiguità, i difetti e le imperfezioni dell’umanità.

“Alceste – scrive nelle sue note la regista Nora Venturini – è un personaggio estremamente moderno. È un uomo che in modo vagamente masochista si ostina ad amare la donna sbagliata, quella che è il suo opposto in tutto, nello stile di vita, nella visione etica, nel senso dell’amicizia e dei rapporti sociali. E lo stesso vale per Celimene nei confronti di Alceste, quando dichiara di preferirlo agli altri pretendenti. (…) Attorno a loro, a raccontarci il mondo che Alceste detesta e Celimene padroneggia, un carosello di prototipi umani, parodie attualissime dei vizi e dei difetti dell’alta società. Allora se Alceste è 'nostro contemporaneo' nella sua indignazione impotente e donchisciottesca contro la falsità e la corruzione, sono 'nostri contemporanei', tragici e comici insieme, anche Alceste e Celimene come coppia sentimentalmente impossibile: non si capiscono ma si amano, si sfuggono ma si cercano, si detestano ma si desiderano. Sono un uomo e una donna di oggi, con torti e ragioni equamente distribuiti, protervi nel non cedere alle richieste dell’altro, non disposti a rinunciare alle proprie scelte di vita, in perenne conflitto tra loro. Nei loro difetti possiamo a turno ritrovarci e riconoscerci; e ne ridiamo, guardandoci allo specchio. Due protagonisti di una commedia amara in cui non è previsto l’happy end”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo