Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 22 Luglio 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 Arezzo Classica: nuovo appuntamento nel segno di Brahms
Conferenze stampa

Quarata: il restauro di mura e camminamenti

2 luglio 2019 - ore 11.30 - Piazzetta all’interno della parte storica della frazione

Piazzetta Enzo Piccoletti: il sindaco Ghinelli scopre la targa

2 luglio 2019 - ore 09.30 - Sede del quartiere di Porta Sant'Andrea

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Arezzo Classica: nuovo appuntamento nel segno di Brahms

Christophe Giovaninetti (violino) e Tiziano Mealli (pianoforte) eseguono il trittico delle Sonate per violino e pianoforte

Nuovo appuntamento per Arezzo Classica, la rassegna dedicata alla musica sinfonica e da camera voluta da Comune di Arezzo, Fondazione Guido d’Arezzo e realizzata con CaMu - Casa della Musica di Arezzo.

Domenica 24 febbraio alle 18 nella sede della Casa della Musica, palazzo della Fraternita dei Laici, il duo formato da Tiziano Mealli (pianoforte) e Christophe Giovaninetti (violino) darà vita a un pomeriggio musicale nel segno di Brahms. Grande esperienza e gioia di far musica insieme sono tra i preziosi ingredienti che vivificano l’incontro tra Christophe Giovaninetti, primo violino per oltre dieci anni del Quartetto Ysaÿe e poi fondatore del Quartetto Elysée, e il pianista Tiziano Mealli, appassionato camerista da sempre impegnato in prestigiose collaborazioni.

Insieme propongono al pubblico aretino le tre Sonate per violino e pianoforte di cui Brahms autorizzò la pubblicazione, le altre tre scritte in precedenza furono distrutte, legate a un arco temporale (1878-1888) nel quale, conclusa l’esperienza di sinfonista, Brahms tornava all’amata musica da camera.

La scrittura brahmsiana trae ispirazione dalla vocalità e infatti spesso il materiale tematico è estrapolato dalla produzione liederistica, come avviene per la Sonata in sol maggiore op. 78, costruita sul Regenlied dello stesso Brahms; l’esaltazione della cantabilità dell’arco si arricchisce di una tessitura pianistica interlocutoria e complice, che contribuisce a creare un clima di affettuosa intimità espressiva, in particolare nella Sonata in fa maggiore op. 100, proposta in apertura. La Sonata in re minore op. 108, che occupa interamente la seconda parte del concerto, si distingue dalle precedenti per un carattere più incisivo, maggiori dimensioni, è l’unica in quattro tempi, e una scrittura dichiaratamente virtuosistica.

Biglietti: posto unico 15 euro, ridotto soci Unicoop 10 euro. I biglietti sono disponibili al Teatro Petrarca nei giorni di giovedì e venerdì dalle 17 alle 19 e il giorno dello spettacolo presso CaMu – Casa della Musica di Arezzo a partire dalle 15. È possibile rivolgersi a Officine della Cultura, in via Trasimeno 16, nella giornata di venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15,30 alle 18. Biglietti disponibili anche nei circuiti Box Office Toscana e TicketOne.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo