Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 22 Luglio 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 “Medicina nucleare: difenderemo questo reparto d’eccellenza dalle lentezze della burocrazia regionale. Oltre due anni per un macchinario necessario alle diagnosi. Mobiliteremo la città in caso di ulteriore declassamento”
Conferenze stampa

Quarata: il restauro di mura e camminamenti

2 luglio 2019 - ore 11.30 - Piazzetta all’interno della parte storica della frazione

Piazzetta Enzo Piccoletti: il sindaco Ghinelli scopre la targa

2 luglio 2019 - ore 09.30 - Sede del quartiere di Porta Sant'Andrea

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Medicina nucleare: difenderemo questo reparto d’eccellenza dalle lentezze della burocrazia regionale. Oltre due anni per un macchinario necessario alle diagnosi. Mobiliteremo la città in caso di ulteriore declassamento”

Dichiarazione dell’assessore alle politiche sociali e sanitarie Lucia Tanti

“Oltre due anni. Un tempo inaccettabile quando entra in ballo il diritto alla salute dei cittadini. E addirittura non è bastato alla Estar, il ‘braccio operativo’ della Regione Toscana per la gestione dei bandi e dei concorsi in ambito sanitario, per dotare la medicina nucleare di Arezzo di un macchinario aggiornato. Sì, purtroppo, avete capito bene: ‘non’ è bastato. La gara per acquistare tale macchinario non è ancora partita e sono ‘solo’ 25 mesi, a oggi, che è in stand by.

Stiamo parlando di un’apparecchiatura fondamentale per le indagini sui tumori. Un primo modello, alla medicina nucleare dell’ospedale, era stato donato nel 2005 grazie al solito e importante impegno del Calcit. Dunque, i cittadini di Arezzo avevano contribuito a rendere quel reparto un’eccellenza. Ora, quegli stessi cittadini pretendono, legittimamente, anche in virtù di questo sforzo pregresso di cui si erano fatti carico, che tale eccellenza rimanga e che non sia affossata dai vergognosi tempi burocratici regionali.

Abbiamo peraltro altri indizi per pensare male. La medicina nucleare del San Donato, oltre a non essere rifornita di questa nuova e ammodernata attrezzatura, è stata declassata pochi anni fa nel silenzio generale a unità operativa semplice. Tradotto dal linguaggio burocratico sanitario: ha meno soldi a disposizione e meno autonomia. Dunque: per un macchinario non bastano anni, un reparto d’eccellenza viene mortificato, a vantaggio peraltro di altre realtà toscane. Due indizi fanno una prova, a volte. A conferma di una scarsa attenzione verso Arezzo da parte di chi governa la sanità a livello regionale. Se questo disegno trovasse ulteriori conferme, saremmo noi come amministrazione comunale a reagire. E i tempi non sarebbero biblici.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo