Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

sabato, 19 Ottobre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Teatro Petrarca: il primo spettacolo 2018 della stagione di prosa e danza
Conferenze stampa

Biblioteca Città di Arezzo: un ricco programma di iniziative

9 ottobre 2019 - ore 12.00 - Sala conferenze via dei Pileati

Progetto di sostegno alle famiglie residenti

30 settembre 2019 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Teatro Petrarca: il primo spettacolo 2018 della stagione di prosa e danza

Martedì 9 e mercoledì 10 gennaio, Massimo Dapporto è "Un borghese piccolo piccolo"

Nuovo appuntamento nell’ambito della stagione di prosa e danza del Teatro Petrarca, organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo Onlus. Martedì 9 e mercoledì 10 gennaio, alle 21, Massimo Dapporto è il protagonista di “Un borghese piccolo piccolo”, tratto dall’omonimo romanzo di Vincenzo Cerami. Adattamento e regia di Fabrizio Coniglio, una produzione Teatro e Società/Pietro Mezzasoma.

“Un borghese piccolo piccolo”, romanzo di Vincenzo Cerami ancora molto attuale, dalle tinte grottesche, sottolineate dall’adattamento di Fabrizio Coniglio, descrive le umili aspirazioni del protagonista Giovanni. Lo spettacolo si presenta come una tragicommedia che nella prima parte regala anche momenti di comicità a tratti esilarante, raccontando la vicenda di Giovanni in cerca di una “scorciatoia” che permetta a suo figlio di “sistemarsi” al ministero dove lui lavora da oltre trent’anni. La “scorciatoia” o “raccomandazione”, pratica diffusa e spesso sentita come necessaria per poter sopravvivere nel mondo del lavoro e nella vita, è l’elemento cruciale sul quale si basa l’intero adattamento.

Con la sua interpretazione Massimo Dapporto riesce a rendere ridicolo il tragico e regala grande umanità e semplicità alle vicende della famiglia protagonista.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo