Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 18 Giugno 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 "Shock-ezze post elettorali"
Conferenze stampa

Piazza Guido Monaco in fiore

18 giugno 2019 - ore 15.30 - Piazza Guido Monaco

Parco Pertini: la riqualificazione

13 giugno 2019 - ore 11.00 - Laghetto all'interno del parco

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

"Shock-ezze post elettorali"

Nota del gruppo consiliare OraGhinelli

Ancora sotto shock dalla scomparsa del suo centro-sinistra alle politiche, il giovin consigliere Romizi esterna in un mix confuso di buche, voti, Europa e gufate. Verissimo: ogni evento atmosferico, pur non trascendentale, lascia il segno – e più che altro le buche – sulle strade (aretine e non solo, a ben vedere….). Quindi cosa c’è di meglio che attaccare l’amministrazione quasi come fossa colpa del Ghinelli se piove e nevica? Due piccioni con una fava: si fa opposizione (malamente) e si parla d’altro, cercando di mettere in disparte la tronata elettorale. Terzo piccione: si dicono anche tante sciocchezze. Parla di Europa, il giovine consigliere, di Berlusconi, di Lega e di civismo; va fuori tema pronosticando il 2020 manco fosse Nostradamus. Torniamo sul pezzo: le buche. Intanto, ci sarebbe da chiedersi perché i nostri asfalti sono friabili come savoiardi e sarebbe interessante anche domandare a chi oggi ha dieci anni se ricorda di aver visto asfaltare una strada che non fossero gli assi ottocenteschi. Tradotto: se negli ultimi anni la manutenzione ordinaria fosse stata migliore e le risorse destinate meglio, forse oggi qualche toppa ce la risparmieremmo. Ma siccome (lo rammenta sempre il consigliere) non è consentito addebitare responsabilità alle amministrazioni che lo hanno anche visto protagonista (si fa per dire), ci limiteremo a constatare come l’assessore ai lavori pubblici attuale (civico per l’appunto) attende la fine della pioggia come un bambino l’inizio dei cartoni animati, per sguinzagliare i suoi uomini e sistemare il più degnamente possibile le strade cittadine, con le (poche) risorse disponibili (ma comunque raddoppiate rispetto al passato), tanto che già oggi, la maggior parte del lavoro è già stato svolto. Anche per evitare “che fiocchino le denunce causate da seri infortuni” che paiono auspicate dal consigliere. Caro consigliere, a parlare di buche……. ha toppato!

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo