Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 19 Agosto 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 La variante al piano strutturale e al nuovo piano operativo
Conferenze stampa

Via Petrarca: lavori in corso

31 luglio 2019 - ore 11.30 - Via Petrarca

Maltempo: il sindaco Alessandro Ghinelli

29 luglio 2019 - ore 10.00 - Sala del camino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

La variante al piano strutturale e al nuovo piano operativo

Le linee guida illustrate dal sindaco Ghinelli

Su proposta del sindaco Alessandro Ghinelli è stato approvato oggi in Consiglio Comunale un atto di indirizzo che fissa un crono-programma per la redazione dei nuovi strumenti urbanistici generali. Entro la metà di ottobre verrà avviata la procedura di evidenza pubblica per l’affidamento dell’incarico professionale per la redazione sia della variante al piano strutturale sia del piano operativo. Entro il 28 febbraio 2018 tale incarico verrà affidato, entro il 31 maggio sempre del prossimo anno è previsto l’avvio del procedimento di variante e di redazione del piano operativo, a un anno di distanza è prevista l’adozione dei due strumenti urbanistici, mentre entro la fine del mandato e comunque entro il primo marzo 2020 l’approvazione.

 

“Ma l’amministrazione – ha rilevato il sindaco – ha fin da subito ritenuto opportuno assicurare la più ampia partecipazione dei cittadini, degli ordini professionali e delle categorie economiche alla stesura degli strumenti di pianificazione territoriale, attivando la possibilità di fornire contributi specifici. Ne sono giunti 875, un numero che ci gratifica. Sono stati catalogati in gruppi che ne chiariscono la portata e le caratteristiche e sono confluiti in un documento di sintesi. Rappresentano un quadro conoscitivo delle esigenze e delle aspettative della società, saranno opportunamente valutate ed eventualmente inserite all’interno dei nuovi strumenti urbanistici se coerenti con la loro impostazione. Si va dalla richiesta di recupero del patrimonio edilizio esistente, da quello agricolo agli edifici di pregio, con alcuni aspetti puntuali toccati per il centro storico come il divieto di installazione di impianti fotovoltaici, allo sviluppo ordinato delle attività produttive di ogni tipo, agricole, commerciali, di servizio, turistiche. E ancora, dalle aree di trasformazione previste nel regolamento urbanistico vigente di cui si chiede la riprogettazione agli aspetti infrastrutturali e legati alla mobilità. Proprio in merito agli strumenti urbanistici, le scadenze regionali dettate da un impianto normativo profondamente mutato negli anni, mi riferisco alla legge 65 del 2014, e il rapporto di propedeuticità intercorrente tra essi, ci spingono verso un aggiornamento degli attuali strumenti di pianificazione”.

L'assessore Marco Sacchetti, nel suo primo intervento da delegato all'urbanistica, ha sottolineato i principi della strategia dell'amministrazione: partecipazione, resilienza, flessibilità, crescita zero. “Verrà rivisto il dimensionamento locale e non complessivo, dovremo essere bravi a pianificare un tessuto urbano che sia resistente a elementi esogeni, rischi idraulico e sismico in primis. I piani saranno dunque accompagnati da documenti di studio e supporto adeguati, ad esempio la mappature delle zone più a rischio e dovranno essere meno rigidi che in passato”.

 

In merito ad eventuali richieste di variante agli strumenti urbanistici generali che dovessero essere presentate successivamente alla delibera, saranno considerate quali mero contributo alla redazione della nuova strumentazione urbanistica con le seguenti eccezioni:

-          richieste provenienti da Enti e soggetti pubblici e privati caratterizzate da interesse        pubblico;

 - deroghe di cui all’art. 97 della L.R. 65/14, previste per la realizzazione di interventi urgenti ammessi a finanziamento pubblico, finalizzati alla tutela della salute e dell’igiene pubblica, al recupero di condizioni di agibilità e accessibilità di infrastrutture e di edifici pubblici e privati, nonché alla salvaguardia dell’incolumità pubblica e privata, che si siano resi necessari in conseguenza di calamità naturali o catastrofi, o di eventi naturali o connessi con l’attività dell’uomo, rilevanti ai fini dell’attività di protezione civile.

-                   concrete e documentate proposte di soggetti che intendono intervenire in ambito produttivo di beni e servizi, con particolare riguardo ad aree ed immobili dismessi o in disuso dove si prevedono operazioni di riconversione e recupero, ai fini di un incentivo alla ripresa economica della città e alla creazione di nuovi posti di lavoro.

-                   concrete e documentate proposte di soggetti che intendono intervenire in ambito residenziale, con particolare riguardo ad aree ed immobili dismessi o in disuso dove si prevedono operazioni di riconversione e recupero, ai fini di soddisfare esigenze concrete utili ad incentivare la ripresa economica.

 

In termini generali non si ritiene opportuno procedere a consumo di nuovo suolo, mentre si ritiene di dover preferibilmente operare attraverso il recupero e la rigenerazione urbana, pertanto la nuova strumentazione urbanistica dovrà traguardare  una “crescita zero” in termini di dimensionamento generale ed eventualmente procedere ad una ridistribuzione delle quantità complessive previste nel piano strutturale vigente sia per quanto riguarda la residenza che la produzione.

Superata la fase di espansione e di crescita della città, l’Amministrazione Comunale nel ripianificare le aree strategiche di intervento (ASI 3.3 Lebole; ASI 3.7 la Catona; ASI 3.9 Ex Scalo Merci; ASI 3.8 Cadorna; ASI 3.10 Uno Aerre; ASI 4.7 Triangolo delle cave), si pone l’obiettivo principale del recupero del patrimonio edilizio esistente e secondariamente la conclusione di interventi già in essere attraverso la ricucitura con il tessuto periurbano della città, in funzione dell'opportunità che questo rappresenta per lo sviluppo urbanistico di Arezzo.

 

Vista l’attuale congiuntura economica e le prospettive di crescita di medio termine è ipotizzabile la realizzazione per fasi successive di tali aree, fatta salva l’individuazione di una progettazione unitaria dell’intervento all’interno della quale siano stabiliti alcuni elementi nodali di valenza strategica e di interesse pubblico. Gli oneri perequativi saranno rimodulati in funzione delle condizioni economiche locali e del contesto urbano di riferimento con l’obiettivo di garantire una concreta realizzabilità degli interventi.

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo