Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

venerdì, 23 Agosto 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 La polizia municipale ferma tunisino responsabile di vari reati
Conferenze stampa

Via Petrarca: lavori in corso

31 luglio 2019 - ore 11.30 - Via Petrarca

Maltempo: il sindaco Alessandro Ghinelli

29 luglio 2019 - ore 10.00 - Sala del camino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

La polizia municipale ferma tunisino responsabile di vari reati

La PM ha recuperato la refurtiva e fermato il colpevole della rapina avvenuta la scorsa settimana in zona Saione, vittima una giovane donna, ivi residente, alla quale era stato sottratto il cellulare da un individuo camuffato che, nell’atto di strapparle il telefono le aveva causato una ferita alla mano.

Alla Polizia Municipale, intervenuta prontamente sul posto su richiesta della Questura, le informazioni raccolte erano state sufficienti per poter dare inizio alle indagini e tentare di individuare il malvivente. Sono state acquisite le immagini delle telecamere di sorveglianza di alcuni esercizi della zona e risentiti la persona offesa e i testimoni del fatto.

Pochi giorni e il colpevole è stato individuato nel corso di una operazione di sgombero che nella mattina di giovedì ha interessato il mercato ortofrutticolo, area di proprietà comunale. Tra gli 8 occupanti, subito denunciati a piede libero per occupazione abusiva aggravata di immobili, è stato infatti identificato un cittadino tunisino, clandestino nel territorio dello Stato, che corrispondeva in maniera assai evidente all'autore della rapina subita dalla donna.

La oramai trascorsa flagranza non ha permesso l'arresto del tunisino, ma sarà la magistratura inquirente aretina, su precisa richiesta della Polizia Municipale, a valutare se richiedere una misura di custodia cautelare.

Questo, in virtù del fatto che il giovane è stato anche arrestato in passato dai Carabinieri di Arezzo per furto e nel successivo processo gli è stata irrogata la misura cautelare dell'obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria che ha iniziato a scontare proprio giovedì 18 aprile.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo