Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 25 Febbraio 2020
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Consiglio Comunale 16 luglio 2018 / le modifiche al regolamento per l’occupazione di spazi e aree pubbliche
Conferenze stampa

Calcit: danza, mercatino e solidarietà

24 febbraio 2020 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Il Comune di Arezzo e la Tribù dei nasi rossi: la collaborazione

18 febbraio 2020 - ore 10.00 - Sala del camino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Consiglio Comunale 16 luglio 2018 / le modifiche al regolamento per l’occupazione di spazi e aree pubbliche

Approvate su proposta dell’assessore Marcello Comanducci una modifica e un’integrazione al regolamento per l’occupazione di spazi e aree pubbliche e per l’applicazione del relativo canone, la Cosap. “Si tratta di variazioni già previste e necessarie in seguito alla costituzione della Fondazione Arezzo Intour e della Fondazione Guido d’Arezzo. La modifica prevede, infatti, che sono esenti dal canone le occupazioni temporanee per manifestazioni e iniziative organizzate e promosse dalle due fondazioni, in quanto attività prima gestite in proprio dal Comune.

Ulteriore modifica riguarda le occupazioni per attività commerciali sulla base di un progetto unitario, da sottoporre comunque all’approvazione della Giunta e che coinvolgano tutti gli operatori di una strada o di un’area, ad esempio Saione, valorizzandola in maniera significativa: possono essere dichiarati esenti dalla Cosap fino a un anno dall’approvazione del progetto. L'intento è quello di favorire anche zone della città con maggiori difficoltà rispetto al centro”.

Matteo Bracciali ha posto la questione delle ricadute di questo atto per lo sviluppo della fondazione e per il suo rilancio e quali sono le attività esenti. La precisazione di Comanducci è stata “solo quelle gestite direttamente dalle fondazioni e non quelle, per ipotesi, patrocinate”. La delibera è stata approvata con 18 voti favorevoli e 5 astenuti.

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo