Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 26 Maggio 2020
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa Pia Casa: donato alla città uno statuto del 1886
Conferenze stampa

Contrasto diffusione Covid-19: le operazioni di sanificazione e igienizzazione

9 aprile 2020 - ore 10.00 - Campo di Marte, davanti alla farmacia comunale 1

Nuovi marciapiedi in città

5 marzo 2020 - ore 12.00 - Via Giotto

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Pia Casa: donato alla città uno statuto del 1886

Uno statuto della Pia Casa datato 1886, sottoscritto dal Presidente del consiglio dei ministri e ministro dell'Interno Agostino Depretis, per volontà del Re Umberto I, rinvenuto a Monterchi nella biblioteca di Palazzo Marzocchi, è stato donato alla città dal giornalista Rai Antonio de Robertis e da Donata Marzocchi.

“Ringrazio sentitamente De Robertis e Marzocchi per il prezioso dono fatto ad Arezzo - ha detto il sindaco Alessandro Ghinelli - le pagine storiche che descrivono le finalità, l'amministrazione e la missione di quello che all'epoca era l'Orfanotrofio e Pia Casa di Mendicità, rappresentano una testimonianza importante dei fini benefici ed educativi dell'opera pia, destinata allora al ricovero e mantenimento degli orfani e dei più poveri e soli. Un mandato e una responsabilità di assistenza verso i più deboli che l'istituto ha mantenuto nel tempo”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo