Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

venerdì, 21 Febbraio 2020
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa Consiglio Comunale 27 aprile 2017 / pratiche urbanistiche e di pianificazione
Conferenze stampa

Calcit: danza, mercatino e solidarietà

24 febbraio 2020 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Il Comune di Arezzo e la Tribù dei nasi rossi: la collaborazione

18 febbraio 2020 - ore 10.00 - Sala del camino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Consiglio Comunale 27 aprile 2017 / pratiche urbanistiche e di pianificazione

Adottata dal Consiglio Comunale su proposta del sindaco Alessandro Ghinelli una variante al regolamento urbanistico per il primo stralcio attuativo della cosiddetta Area strategica Catona.

“Sorgerà una nuova lottizzazione in un’area compresa tra viale Santa Margherita e la Catona, limitrofa a via Tarlati e dunque a un ambito già edificato, con possibilità di dare anche una sistemazione viaria a un'area importante a nord della città”. Si tratta di 3.300 metri quadrati di superficie residenziale e dunque di potenzialità edificatoria che i proprietari dei terreni hanno ottenuto come compensazione dell’indennità dovuta dal Comune per l’esproprio delle aree dove è stato realizzato, presso la rotatoria di via Tarlati, il parcheggio scambiatore.

 

Si chiude inoltre l’iter, su proposta dell’assessore all’ambiente Marco Sacchetti, del Piano territoriale per la minimizzazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici e per la localizzazione delle stazioni radio base per la telefonia mobile. Il piano era stato adottato dal Consiglio Comunale lo scorso 15 dicembre, nel frattempo non sono pervenute osservazioni da privati o enti pubblici. Il piano si applica agli impianti di telefonia mobile e agli apparati radio-tv che operano in uno specifico intervallo di frequenze. I criteri localizzativi sono: privilegiare le aree comunali o di proprietà pubblica e i siti già a destinazione prevalentemente tecnologica. Nelle aree di interesse storico, monumentale, paesaggistico la soluzione tecnologica dovrà essere tale da minimizzare l’impatto visivo. Esistono poi aree definite sensibili, caratterizzate dalla presenza di strutture assistenziali, sanitarie ed educative, dove è vietata la localizzazione.  

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo