Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 18 Giugno 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa “Quello che non ho”, il prossimo spettacolo al Teatro Petrarca
Conferenze stampa

La coppa dei campioni AIA

19 giugno 2019 - ore 11.30 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Piazza Guido Monaco in fiore

18 giugno 2019 - ore 15.30 - Piazza Guido Monaco

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Quello che non ho”, il prossimo spettacolo al Teatro Petrarca

Sabato 11 e domenica 12 febbraio alle 21

Nell’ambito della stagione di prosa e danza del Teatro Petrarca, promossa dal Comune in collaborazione con Toscana Spettacolo Onlus, sabato 11 e domenica 12 febbraio alle 21 va in scena “Quello che non ho”. Canzoni di Fabrizio De Andrè, drammaturgia e regia Giorgio Gallione, con Neri Marcorè. Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini a voci e chitarre. Arrangiamenti musicali Paolo Silvestri.

Con “Quello che non ho” siamo di fronte a un anomalo esempio di teatro-canzone che, ispirandosi a due giganti del recente passato, De André e Pasolini, cerca di costruire una visione personale dell’oggi. Ispirato al film del 1963 “La rabbia”, nel quale Pasolini costruisce una personale visione del mondo del suo tempo, in cui convivono grandi utopie e boom economico ma anche la distruzione dell’etica e del paesaggio e l’inizio del consumismo più sregolato, lo spettacolo s’interroga sulla nostra epoca, in costante equilibrio tra ansia del presente e speranza nel futuro. A fare da contorno al tutto sono le canzoni di Fabrizio De André: poesie in musica che spaziano dalle ribellioni e dalle ballate alla provocazione politica e alla visionarietà dolente delle “anime salve”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo