Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 25 Giugno 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa “Macbeth”, lo spettacolo al Teatro Petrarca
Conferenze stampa

Asfaltature: il punto

21 giugno 2019 - ore 11.30 - Parcheggio del parco di Villa Severi

La lotta alla marginalità sociale

20 giugno 2019 - ore 11.30 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Macbeth”, lo spettacolo al Teatro Petrarca

Venerdì 24 e sabato 25 febbraio alle 21

Nell’ambito della stagione di prosa e danza del Teatro Petrarca, organizzata dal Comune di Arezzo in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo Onlus, venerdì 24 e sabato 25 febbraio alle 21 va in scena Macbeth. Di William Shakespeare, traduzione Agostino Lombardo, regia Franco Branciaroli. Con Franco Branciaroli, Valentina Violo, Tommaso Cardarelli, Daniele Madde, Stefano Moretti, Livio Remuzzi, Giovanni Battista Storti, Alfonso Veneroso.

Il Macbeth è la tragedia del male dell’uomo, della violazione delle leggi morali e naturali, dell’ambiguità, del caos e della distruzione che ne consegue. Un rovesciamento di valori significativamente testimoniato dal canto ambiguo e beffardo delle streghe: “il bello è brutto e il brutto è bello”. Il misterioso richiamo che da sempre l’uomo sente verso l’egoismo e la sopraffazione, è dettato secondo il regista e attore Branciaroli non dalla sete di potere, come accade per altri protagonisti shakespeariani, vedi Riccardo III, ma per il timore che l’uomo ha verso la vita stessa, con i suoi imprevedibili cambiamenti che lo costringono a imboccare tortuose deviazioni.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo