Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 17 Giugno 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa “Il grande successo del concerto del primo dell’anno: il Petrarca ‘casa’ della cultura e della comunità”
Conferenze stampa

Piazza Guido Monaco in fiore

18 giugno 2019 - ore 15.30 - Piazza Guido Monaco

Parco Pertini: la riqualificazione

13 giugno 2019 - ore 11.00 - Laghetto all'interno del parco

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Il grande successo del concerto del primo dell’anno: il Petrarca ‘casa’ della cultura e della comunità”

Dichiarazione del sindaco Alessandro Ghinelli e dell’assessore Lucia Tanti

“Con il concerto di Capodanno, che si è tenuto al Teatro Petrarca, contiamo di avere posto le basi per una solida tradizione: Arezzo, che ha dato i natali a Guido Monaco e ha la pretesa di diventare città della musica e della formazione musicale, ogni primo gennaio dovrà offrire l’occasione di un appuntamento musicale e concertistico, in grado di fare del Teatro Petrarca, anche grazie all’esibizione delle nostre eccellenze, la ‘casa’ della comunità e della sua vocazione culturale. Il successo che si è registrato per il primo concerto di Capodanno ci fa ben sperare.

A proposito delle eccellenze che si sono esibite: partiamo con il citare il debutto di una realtà come l’Oida, l’Orchestra instabile di Arezzo, nata grazie a molti musicisti aretini, tornati a impegnarsi direttamente per la crescita della città e che conta 35 elementi. La sua performance è stata magistrale, anche grazie alla direzione di un maestro come Romolo Gessi. La presenza al Petrarca di uno dei maggiori esperti del repertorio viennese in Italia ci ha inorgoglito. A Gessi si sono aggiunti il tenore Luca Canonici e il soprano Silvia Martinelli, interpreti di brani che hanno permesso di comprendere e apprezzare il virtuosismo e la loro professionalità, caratteristiche che da anni li hanno resi famosi a livello internazionale. A tutti, il pubblico ha tributato alla fine una vera e propria standing ovation. All’aretina Silvia Martinelli, anche un ‘bentornata a casa’, dopo tanti anni. Un ringraziamento anche alla presentatrice Ilaria Vanni e a Opera Viwa del maestro Andrea Trovato che ha co-organizzato con l’amministrazione questo evento.

Il pubblico è stato l’ulteriore sorpresa positiva: caldissimo, appassionato, numeroso e variegato, dalle famiglie ai giovani. In merito a questi ultimi, rileviamo che la nostra volontà di riservare a titolo gratuito un numero di biglietti per gli studenti dagli istituti scolastici superiori, è stata premiata. La fila alla biglietteria si è protratta fino all’inizio dello spettacolo e il Petrarca ha potuto registrare il tutto esaurito: la dimostrazione più gratificante che Arezzo, in ogni componente sociale e anagrafica, ha grande voglia di teatro, di musica, di cultura.

La collaborazione fra i due assessorati, alla cultura e alle politiche sociali, educative e giovanili, ha reso possibile una serata come questa, che qualifica sempre di più l’amministrazione come attenta allo stretto rapporto tra cultura ed educazione: Arezzo è entrata nel novero delle città europee che tradizionalmente dedicano il giorno del Capodanno a un momento musicale a teatro. Faremo in modo che ci resti”.

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo