Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

sabato, 24 Agosto 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa “Finalmente, dopo più di 500 giorni, inizia il restauro dell’acquedotto vasariano”
Conferenze stampa

Via Petrarca: lavori in corso

31 luglio 2019 - ore 11.30 - Via Petrarca

Maltempo: il sindaco Alessandro Ghinelli

29 luglio 2019 - ore 10.00 - Sala del camino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Finalmente, dopo più di 500 giorni, inizia il restauro dell’acquedotto vasariano”

Dichiarazione di Francesco Romizi, consigliere comunale di Arezzo in Comune

“Finalmente stanno iniziando i lavori di restauro dell’acquedotto vasariano. Anche questo intervento, come altri, è un’eredità della passata amministrazione di centrosinistra, della Fraternita guidata da Liletta Fornasari e dell’impegno dell’ex assessore Franco Dringoli. Ricordiamo che era stato predisposto il progetto di restauro e finanziato l’intervento agli inizi del 2015 sulla base di un preciso accordo tra i due enti. I lavori li avrebbe condotti la Fraternita, proprietaria del bene, anticipando la spesa che viene a sua volta rimborsata dal Comune, titolare del diritto perenne di enfiteusi, in rate decennali previste a bilancio fin dal 2015.

Rimaneva da fare solo la gara. Per questo, mentre esprimiamo soddisfazione per l’avvio dei lavori, non possiamo non evidenziare che ci sono voluti più di 500 giorni per le procedure di appalto, sollecitati più volte con varie interrogazioni al sindaco. L’acquedotto è un bene di grande valenza storica e paesaggistica che potrà così ritornare alla sua bellezza e funzione alimentando il lago di Villa Severi e la fontana di Piazza Grande.

L’accordo prevedeva anche il restauro della terrazza del Palazzo di Fraternita e la sistemazione dei locali sottostanti l’ingresso. Ma di questo secondo intervento si è perso le tracce. L’amministrazione e gli enti collegati, devono cambiare passo. Adesso che il governo ha assegnato risorse importanti anche al Comune di Arezzo, nonostante non sia rientrato nei vincitori del bando originario per le aree degradate, è necessario un ritmo diverso in quanto i tempi per il percorso progettuale e di realizzazione sono molto più stringente e i finanziamenti potrebbero essere persi”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo