Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

mercoledì, 19 Giugno 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 Comunicati Stampa “Anime prave”, chiusura della mostra di Giuseppe Fanfani nel segno del successo
Conferenze stampa

La coppa dei campioni AIA

19 giugno 2019 - ore 11.30 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Piazza Guido Monaco in fiore

18 giugno 2019 - ore 15.30 - Piazza Guido Monaco

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Anime prave”, chiusura della mostra di Giuseppe Fanfani nel segno del successo

 

 
Grande successo della mostra “Anime prave. Opere sull’Inferno Dantesco” di Giuseppe Fanfani che si è tenuta presso la Galleria comunale d’arte contemporanea. I visitatori, dall’apertura l’8 dicembre scorso, sono stati oltre millecinquecento. Alla conferenza stampa sulla chiusura hanno partecipato il sindaco Alessandro Ghinelli, Giuseppe Fanfani e il dirigente dell’ufficio cultura del Comune di Arezzo Roberto Barbetti.
Il sindaco Alessandro Ghinelli: “domani si chiude la mostra di Giuseppe Fanfani dedicata all’illustrazione di alcuni canti dell’Inferno della Divina Commedia. Questa esposizione si è sovrapposta, anche se solo per un giorno, con la Festa dei Licei classici che si è tenuta in tutta Italia: una rivendicazione forte per una scuola fondamentale per la nostra cultura che qualcuno crede possa essere annullata. Se un Paese come l’Italia deve puntare sulla cultura non lo potrà mai fare a prescindere dal Liceo classico. Sul classicismo si innesca questa mostra di Giuseppe Fanfani che ho visto più volte e mi ha dato lo spunto di andare a ricercare in Casentino un dipinto di mio padre sulla battaglia di Campaldino: una rappresentazione grafica di qualcosa comunque legato a Dante. Il mio auspicio è che questa apertura e questa chiusura di domani siano un primo pilastro di una diffusione di eventi che abbiano come protagonisti artisti aretini. Arezzo orgogliosamente vuol dichiarare al mondo intero che ha grandi artisti. L’immagine che ho sempre avuto fin da ragazzo della Divina Commedia è l’illustrazione grafica di Gustav Dorè, ma da oggi qualcuna di quelle rappresentazioni sarà sovrapposta da quelle di Giuseppe Fanfani. L’Inferno è in tutti noi ed è intorno a noi. Secondo Calvino ci sono due modi per sopravvivere: confondersi con esso fino al punto di non sentirlo più oppure riconoscere nell’inferno chi inferno non è e crederlo e valorizzarlo. Per questo ringrazio Giuseppe Fanfani per avercelo raccontato da fuori”.
Roberto Barbetti, dirigente dell’ufficio cultura del Comune di Arezzo: “ho scoperto Giuseppe Fanfani essere maestro di pittura in questa occasione. Ho riflettuto più volte sul titolo che il maestro Fanfani ha dato a questa mostra: Anime Prave. E mi è venuto in mente quanto dell’avvocato Fanfani c’è nel suo modo di esprimersi nella pittura: credo che ci siano due categorie che conoscono i peccati del mondo, i padri confessori che non possono per loro ministero diffondere le emozioni dell’uomo, e gli avvocati che possono meglio trasmettere le passioni umane. L’avvocato Fanfani ha potuto traslitterare in queste opere le umane passioni e in questo risiede la sua contemporaneità. Sono certo che Fanfani potrà avere dei confronti con la critica anche fuori da Arezzo proprio con questa mostra. Arezzo resta comunque la sua città, la città del suo esordio, dove ha avuto una esposizione dedicata. Se a fine di un ciclo avrà di nuovo voglia di condividere con noi una parte della sua opera Arezzo gliene sarà riconoscente”.
Giuseppe Fanfani: “ho vissuto tante cose nella mia professione e nella vita: il dramma della gelosia, della sofferenza dei genitori, basta aprire i giornali per capire quanto l’animo umano possa sfociare nella violenza. Siamo comunque in una società ovattata. L’animo umano è molto complesso ed è una grande fonte di ispirazione. Amo la Divina Commedia e in particolare l’Inferno che si sposa meglio con la terragna umanità che mi è propria. Dipingere l’Inferno è stato uno stimolo a esprimere tutto quello che questa opera suscita in me.
Voglio ringraziare il sindaco Alessandro Ghinelli, al quale sono legato da amicizia e da stima profonda, e anche Roberto Barbetti ed Enrico Meacci. Ringrazio anche Giuseppe Macrì che mi ha stimolato a fare questa mostra, il curatore Fabio Migliorati ed Andrea Riccioli per tutta la collaborazione che hanno dato alla riuscita di questo evento”.
Fabio Migliorati, curatore della mostra: “è l’esposizione dal punto di vista personale, quindi artistico, di una vicenda letteraria e perciò a un certo punto si crea una sincronia estetica tra passato e presente, tra la visione dell’artista e quella del letterato Dante. La mostra è curatissima, ogni quadro è dove dovrebbe stare e regala risalto alle capacità tecniche di un maestro che da trent’anni dipinge con solo tre colori”.

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo