Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

mercoledì, 29 Gennaio 2020
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 “Bilancio di Arezzo Casa approvato per il rotto della cuffia. Il sor Gilberto, nessuno lo vuole ma il Pd se lo piglia”
Conferenze stampa

La Consulta comunale per la promozione delle pari opportunità

22 gennaio 2020 - ore 11.30 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Bando per l’assegnazione di case popolari

13 gennaio 2020 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Bilancio di Arezzo Casa approvato per il rotto della cuffia. Il sor Gilberto, nessuno lo vuole ma il Pd se lo piglia”

Dichiarazione del consigliere comunale Roberto Bardelli

È ormai nota la vicenda che vede il presidente Dindalini alla guida di Arezzo Casa da otto anni. Il sor Gilberto, orfano di qualsivoglia partito, è un battitore libero. Nessuna tessera, nessun padrone.

Ma non si può certo definire un amministratore trasversale. Nel silenzio più totale, un fatto molto grave e senza precedenti lo ha riguardato da vicino. Il bilancio di Arezzo Casa è stato in prima istanza respinto e in seconda approvato con un risicatissimo 50,56 % di voti favorevoli. Un vero e proprio scisma. È evidente che questa presidenza non sta più bene a tanti amministratori, che anche in questo modo hanno deciso di esprimere il loro dissenso. Da dove sono arrivati, quindi, i voti favorevoli? Dai sindaci del centrosinistra, in particolar modo da quelli del Pd.

Il Partito democratico aretino continua a prendere le distanze dalla famiglia Dindalini, poi ne piazza uno ai vertici di Tiemme e uno di Arezzo Casa. E porta avanti l’unica politica che sa fare, quella delle dinastie. Quella dei cognomi che si ripetono all’infinito. Una politica che, a quanto pare, non ripaga, viste le sconfitte ovunque in Italia. Perfino in Toscana, Umbria e Marche.

Se lo si chiede a loro, vi diranno che no, Gilberto Dindalini non è del Pd. Peccato che amministri con i loro voti, come il nipote. E a questo punto viene anche da pensare, a loro insaputa.

Che ognuno si prenda le proprie responsabilità. Gilberto Dindalini, è un dirigente del Partito democratico. Sta ad Arezzo Casa da otto anni per volontà del Partito democratico. Come abbia lavorato e come abbia amministrato l’edilizia residenziale pubblica in questa città è sotto gli occhi di tutti. Ai tanti sindaci e ai tanti Comuni che garantiscono il loro appoggio a questa dirigenza, chiedo una sola cosa: metteteci la faccia.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo