Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

mercoledì, 18 Settembre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2017 “’Pagati’ per fare le Società della Salute. Le risorse sarebbe bene darle per i servizi, non per portare a termine i programmi politici di Enrico Rossi”
Conferenze stampa

San Giuliano

18 settembre 2019 - ore 11.00 - Scuola primaria

Rigutino: i lavori alla scuola

17 settembre 2019 - ore 10.00 - Scuola elementare a Rigutino est

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“’Pagati’ per fare le Società della Salute. Le risorse sarebbe bene darle per i servizi, non per portare a termine i programmi politici di Enrico Rossi”

Nota del sindaco Alessandro Ghinelli e dell’assessore Lucia Tanti

“Due milioni e 730mila euro per tutta la Toscana e quindi 750mila euro per la 'zonona', che a questo punto tale rimarrà nonostante le rassicurazioni verbalizzate dall’assessore regionale Saccardi: è questo il ‘premio’, diluito in cinque anni, se le conferenze dei sindaci di tutte le zone toscane daranno corso agli accorpamenti imposti dalla Regione. Per il solo accorpamento avremmo un benefit di 50mila euro all’anno per cinque anni, che schizza a 150mila euro se verrà scelto il modello organizzativo delle Società della Salute. In sostanza ci ‘pagano’ per realizzare il programma politico del presidente Enrico Rossi. A poco è valso dire che la 'zonona' non funziona e non funzionerà, a poco è valso dire che le Società della Salute non hanno funzionato e difficilmente lo faranno in realtà come la nostra. A poco è valso chiedere un coinvolgimento più diretto dei sindaci e dei territori. Ancora la sanità toscana è intesa e vista con l’occhio che privilegia l’apparato di potere, anche quello politico, piuttosto che quello dedicato ai servizi per i cittadini.

Queste risorse era certo meglio impiegarle per scelte a favore degli aretini e dei toscani. Il 2 agosto i sindaci della 'zonona' prenderanno insieme una decisione. Da parte del Comune di Arezzo vale il solito principio ‘siamo disposti a collaborare, ma indisponibili a prendere ordini’. Faremo ogni scelta nell’interesse della città senza tabù ma senza farci baloccare da ‘paghette’ davvero quasi offensive e per ogni scelta pretendiamo impegni e questa volta scritti, altrimenti sarà scontro su tutta la linea”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo