Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 23 Settembre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2014 Pdl su Arezzo Fiere: “l’abbandono dopo la colonizzazione”
Conferenze stampa

Una piazza della solidarietà

23 settembre 2019 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Vivere lo sport come inclusione sociale

20 settembre 2019 - ore 12.00 - Sala del camino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Pdl su Arezzo Fiere: “l’abbandono dopo la colonizzazione”

“Un soggetto vitale per l’economia locale vittima dell’inadeguatezza di Comune e Provincia. Adesso occorre un grande slancio della parte sana della società aretina”

Le dimissioni di Pallini dimostrano che quella della Regione era una colonizzazione e l’amministratore indicato dalla Regione Toscana quando la situazione si è fatta dura se ne è andato perché la questione non gli interessava più... come i colonizzatori appunto.

Se la situazione fosse stata facile non avremmo avuto bisogno di aiuto. D’altra parte Comune e Provincia si sono fatte colonizzare ben volentieri: il primo perché ha fatto del non decidere e non assumersi responsabilità il suo totem amministrativo, l’altra semplicemente perche è al capolinea, in via di scioglimento come organo amministrativo. A proposito, il Comune e la Provincia parteciperanno o no all’annunciato aumento di capitale? Pare di no e allora che peso possono avere nelle nuove strategie?

La politica politicante deve stare fuori da questi ambienti mentre le istituzioni rappresentative dei cittadini dovrebbero starci con la schiena dritta, partecipando a pieno titolo anche quando c’è da riparare a errori e debiti che sono stati fatti anche con il loro assenso oltre che con i soldi dei cittadini. Ci piacerebbe avere, a tale proposito, un conto economico su quanti soldi pubblici degli aretini sono stati investiti in quest’opera e quale ne è il ritorno.

Questa situazione si è verificata anche perche a suo tempo le categorie economiche, ben supportate in questo dal Comune, non trovarono l’accordo per il Presidente. A questo punto urge una domanda, da cittadino prima di tutto e poi da consigliere comunale innamorato della propria città.  È in grado la parte sana della società di dimostrare di essere diversa dalla politica e dai suoi bizantinismi, proporre un piano economico e aziendale, una strategia a breve e medio tempo e su tutto questo eleggere un presidente e iniziare la seria ricerca di un manager che sia in grado di portarlo avanti? Noi crediamo e speriamo di si, pronti a fare la nostra parte per sostenere questo tipo di iniziativa.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo