Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

giovedì, 12 Dicembre 2019
Portale Ufficio Stampa Approfondimenti Approfondimento: quando Arezzo "buca" gli schermi
Conferenze stampa

Novità alla scuola Sante Tani

12 dicembre 2019 - ore 11.00 - Ingresso materna, via Generale da Bormida

Polizia locale: dati lusinghieri

11 dicembre 2019 - ore 11.30 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Approfondimento: quando Arezzo "buca" gli schermi

La prima fu “Per una notte d’amore”, 10.000.000 di spettatori con una seconda puntata che sconfisse nell’audience la finale del Grande Fratello. La seconda fu “Una sera d’ottobre”. Ora la RAI è tornata ad Arezzo per la terza fiction dal titolo “La ragazza americana”, regia di Vittorio Sindoni, con Vanessa Hessler, Orso Maria Guerrini, Ilaria Occhini, Giulio Berruti. Produttrice è Edvige Fenech.

Ma “La ragazza americana” presenta una tasso di “aretinità” molto maggiore visto che, a differenza delle precedenti, è stata girata interamente in città - nel cortile di Palazzo Comunale, nella sala che ospita il restauro della pala di Giorgio Vasari, in Piazza San Michele, Piazza San Domenico, fra i banchi della Fiera Antiquaria (le cui immagini sono state quelle di apertura), Piazza del Commissario, Piazza del Popolo e la sede centrale di BancaEtruria. Anche le “escursioni” della troupe, a parte Il Borro e la torre longobarda di Subbiano, si sono davvero limitate ai dintorni visto che appaiono la Pieve di Santa Eugenia del Bagnoro e Ponte Buriano. Analoga “supremazia” aretina si registra fra le comparse e gli attori locali che hanno trovato così uno spazio di valorizzazione nazionale.

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo