Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

domenica, 16 Dicembre 2018
Portale Ufficio Stampa Approfondimenti Approfondimento: e al posto della fabbrica?
Conferenze stampa

Lucia Tanti: l’impegno per i diversamente abili

17 dicembre 2018 - ore 11.30 - Piazza della Libertà

Telethon: raccolta fondi e pedalata

10 dicembre 2018 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino - Palazzo Comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Approfondimento: e al posto della fabbrica?

Tecnicamente, il Piano complesso di intervento “Cittadella degli affari” è composto da più comparti e più lotti: per ogni lotto ci sono quote di edificato e destinazioni precise. Prendiamo il comparto 1, per intendersi quello corrispondente alla vecchia fabbrica Lebole: esso è suddiviso in nove lotti per un massimo di 12.000 mq di commerciale e un massimo di 34.000 mq di residenziale. Ovviamente i 12.000 mq sono spalmati sui nove lotti e per ogni lotto è previsto che la parte commerciale non potrà essere superiore a 3.500 mq.

I mq di parcheggi saranno 39.000 di cui 80% dovranno essere interrati, al verde attrezzato sono destinati 41.000 mq, quattro ettari. Dentro e dall'area ex Lebole di svilupperanno dieci chilometri di piste ciclabili.

 

COSA SONO I PIANI COMPLESSI DI INTERVENTO

Il Piano Strutturale individua due strumenti attuativi: il Regolamento Urbanistico, per le Aree di Trasformazione, contesti dove è richiesta una progettazione unitaria e coordinata, e i Piani Complessi di Intervento, per alcune aree definite Strategiche di Intervento, strumenti ritenuti capaci di governare operazioni particolarmente ampie mantenendo un ruolo centrale, propositivo e non solo di controllo ex post, all’amministrazione comunale.

I piani complessi, dunque, integrano il Regolamento Urbanistico: ai primi e non al secondo è demandato il riassetto di aree strategiche come la ex Cadorna, la Cittadella degli affari (ex Lebole), la Catona (nuovo quartiere residenziale), l’ex scalo merci (comprendente anche il parcheggio Baldaccio e l’area dell’attuale deposito container), il nuovo blocco residenziale tra la SR 71 e Ceciliano, la cittadella del tempo libero al “triangolo delle cave” di Quarata. Anche le maggiori previsioni in termini infrastrutturali sono demandate ai Piani Complessi di Intervento, in particolare il raddoppio del raccordo e la chiusura dell’anello a nord.

 

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo