Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

sabato, 15 Dicembre 2018
Portale Ufficio Stampa Approfondimenti Approfondimento: da "Las personas libro" alle "Donne di carta" all'insegna del classico di Bradbury: Fahrenheit 451
Conferenze stampa

Lucia Tanti: l’impegno per i diversamente abili

17 dicembre 2018 - ore 11.30 - Piazza della Libertà

Telethon: raccolta fondi e pedalata

10 dicembre 2018 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino - Palazzo Comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Approfondimento: da "Las personas libro" alle "Donne di carta" all'insegna del classico di Bradbury: Fahrenheit 451

Tutto comincia in Spagna con “Proyecto Fahrenheit 451 - las personas libro” ideato e diffuso dal madrileno Antonio Rodrigues Menendes.

Nel titolo del progetto, che riecheggia il romanzo di Ray Bradbury, c’è tutta la voglia di non lasciare nulla all’oblio e di salvaguardare la memoria della letteratura così com’è. La versione italiana di questo progetto, l’associazione “Donne di carta”, nasce a Roma presieduta da Sandra Giuliani ma trova ad Arezzo una “cellula” di appassionate che si trasformano, a ogni performance, in persone/libro. Come? Dicendo a memoria brani di libri ovunque sia possibile o richiesto: un teatro, una scuola ma anche un ristorante o una strada.

I libri arrivano al pubblico grazie alla loro voce, una voce che s’impadronisce delle parole di un testo amato, mentre gli occhi guardano l’uditorio per costruire il piacere dell’ascolto. Le “Donne di carta - persone/libro” di Arezzo, associazione aperta anche agli uomini nonostante il nome, cercano dunque di condividere sentimenti ed emozioni in quella che diventa una relazione più che uno spettacolo.

Sarà capitato di vederle e ascoltarle, solo per restare in ambito cittadino, nel Consiglio Comunale trasformato in Consiglio “Teatrale” dall’allora presidente Giuseppe Caroti, nella Sala dei grandi della provincia, durante la Notte Rosa o al Giardino delle Idee dove sono ospiti quasi fisse prima che la parola passi all’autore invitato.

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo