Tu sei qui: Home Io partecipo

IO PARTECIPO

Dal 2011 le circoscrizioni, per anni punto di riferimento cittadino per esigenze locali, servizi, segnalazioni e per partecipare alla vita del proprio quartiere, sono state abolite per legge. Ciò ha spinto l’Amministrazione comunale ad individuare nuove misure per coinvolgere i cittadini nel dibattito sulle scelte per il territorio e per renderli parte attiva nel processo decisionale. Attraverso il progetto Partecipiamo ad Arezzo, il Comune promuove Io Partecipo 2012 per raccogliere dai cittadini spunti ed indicazioni utili a definire le nuove misure di decentramento e partecipazione ed arrivare a costruire insieme un regolamento comunale che recuperi il valore delle circoscrizioni come strumento di partecipazione e cittadinanza attiva e che sia il frutto di una riflessione allargata in grado di rispondere alle esigenze del territorio.

Il percorso di ascolto della cittadinanza avviato dal Comune di Arezzo nel 2009, ha ricevuto premi e apprezzamenti: si è articolato con questionari, focus group, consigli di circoscrizione aperti ed un  Convegno nazionale sulla partecipazione ed il decentramento.

E’ stato così definito un primo bilancio del lavoro svolto dalle Circoscrizioni e sono emersi spunti sui possibili scenari del “dopo Circoscrizioni” che hanno portato il consiglio comunale ad approvare alcuni Criteri generali per l’attuazione del nuovo decentramento partecipato che rappresentano uno degli elementi utili a definire il nuovo regolamento.

Di cosa si parla?

Il percorso prevede che i rappresentanti degli organi comunali, i rappresentanti delle associazioni attive sul territorio, coloro che hanno fatto parte dei consigli di circoscrizione e i cittadini del comune, individuino nel corso di momenti strutturati di confronto le possibili risposte a domande importanti quali: cosa preservare dell’esperienza delle Circoscrizioni? Come coinvolgere attivamente i cittadini nelle decisioni che li riguardano? Quali modalità di partecipazione sono più adeguate alla città e come potrebbero essere messe in campo? Come facilitare l’inclusione delle fasce più deboli della popolazione? Come valorizzare il ruolo delle risorse associative locali?