Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

sabato, 15 Dicembre 2018
Portale museo comunicazione Eventi TITANIC, la cabina radiotelegrafica che salvò 705 passeggeri

TITANIC, la cabina radiotelegrafica che salvò 705 passeggeri

1912 - 2012 Ricostruzione degli impianti di radiotelegrafia senza fili a bordo del TITANIC. A cura del Museo dei Mezzi di Comunicazione del Comune di Arezzo. PROGETTO di Fausto Casi Con la collaborazione di Valentina Casi INAUGURAZIONE - 15 DICEMBRE 2012

TITANIC, la cabina radiotelegrafica che salvò 705 passeggeri

locandina TITANIC

Cosa
    Quando 15/12/2012 16:00 al
    20/04/2013 16:00
    Dove Museo dei Mezzi di Comunicazione - Via Ricasoli, 22 AREZZO
    Persona di riferimento
    Recapito telefonico per contatti 0575377662
    Aggiungi l'evento al calendario vCal
    iCal

     

    Vista l’importanza a livello mondiale che ebbe nel 1912 l’evento dell’affondamento del TITANIC, nave ritenuta da tutti inaffondabile, e che ha ancora oggi con filmati di grande successo; è stato deciso, come Museo dei Mezzi di Comunicazione, di celebrare il centenario del suo affondamento. La presenza a bordo del TITANIC delle moderne apparecchiature di radiotelegrafia, che, oltre al servizio civile per la comunicazione con la terra ferma richiesta dai passeggeri, comprendevano anche un circuito di emergenza per i collegamenti via etere con altre navi in rotta nelle vicinanze, fu proprio il tema che ci incuriosì; questa secondo genere di apparecchiature, infatti, furono quelle che consentirono il SALVATAGGIO di ben 705 passeggeri grazie al soccorso realizzato dalla nave CARPATHIA che, ricevuto il segnale di S.O.S. dal TITANIC, poté arrivare nel punto segnalato con la radiotelegrafia nel tempo di 4 ore circa.
    Il progetto del Museo dei Mezzi di Comunicazione si concentra sulla realizzazione dei luoghi e degli impianti, che si trovavano a bordo del TITANIC, relativi alle TELECOMUNICAZIONI:
    si è trattato di ricostruire in legno la cabina, con le stesse esatte misure, destinata alla radiotelegrafia ed arredata con i mobili e le apparecchiature dell’epoca. Questo è stato possibile solamente dopo lunghi mesi di studio su un ristrettissimo campo di materiale disponibile dato il DIVIETO ASSOLUTO, imposto ai passeggeri della nave, di FOTOGRAFARE o di RIPRENDERE la stanza. La disponibilità di molte delle apparecchiature simili a quelle usate nel TITANIC, alcune già in mostra al Museo ed altre a disposizione nella “Collezione Fausto Casi” di Arezzo, ci hanno incoraggiato a cercare, le poche mancanti, nel mondo del collezionismo nazionale. La cabina radiotelegrafica è stata così allestita da un’equipe di esperti, sotto la direzione scientifica di Fausto Casi, Direttore del Museo dei Mezzi di Comunicazione, nelle sale del Centro Accoglienza Turistica del Comune “Benvenuti ad Arezzo”.
    L’inaugurazione della mostra si è tenuta il sabato 15 DICEMBRE 2012, giorno del settimo anniversario dell’apertura del Museo.

    Per il 12 gennaio 2013, primo anniversario dell’affondamento del COSTA – CONCORDIA, è prevista una giornata di studio con la PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE: saranno presenti, in piazza della Libertà i mezzi mobili di radiocomunicazione moderni a disposizione della protezione civile, a livello nazionale, i cui strumenti verranno confrontati con quelli storici a bordo del TITANIC di 100 anni fa.
    Per il convegno del pomeriggio, ore 16,00, saranno tenute relazioni da parte di esperti nazionali sulle telecomunicazioni moderne adibite a soccorso, in particolare su quella storica organizzata il 4 Novembre 1966, in occasione della ALLUVIONE DI FIRENZE, dal radioamatore Carlo Luigi Ciapetti di Firenze - che all’epoca aveva il nominativo I1CLC – utilizzando apparecchiature sia commerciali che autocostruite nonché residuati bellici, come una telescrivente dell’esercito USA del 1939 ed un lettore di banda dell’esercito tedesco del 1940. Oggetto di donazione al nostro Museo, tali apparecchiature furono da lui usate per creare una rete radioamatoriale di emergenza - locale, regionale, nazionale ed internazionale - mantenuta attiva 24 ore su 24 dai radioamatori fiorentini, toscani, italiani ed esteri – che fu messa a disposizione delle istituzioni pubbliche, i cui impianti di collegamento radio erano divenuti inutilizzabili e per la cui riattivazione furono necessari giorni e settimane, con eccellenti risultati: in molti casi ciò permise di salvare vite umane, di alleviare difficili situazioni delle popolazioni e di salvaguardare dal danneggiamento parte del patrimonio artistico.

    Sempre per l’anno 2013 è prevista un’altra iniziativa:
    - 13 aprile 2013: “Suoni e Immagini negli ultimi istanti di vita del Titanic”.
    ..ma di questo ve ne parleremo in un’altra occasione!

    La mostra sarà visitabile dal 16 dicembre 2012 al 20 aprile 2013.

     

    Depliant Esterno TITANIC

    Depliant Interno TITANIC

    Ulteriori informazioni su questo evento…

    « dicembre 2018 »
    dicembre
    lumamegivesado
    12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31
     

    Realizzato con Plone®

    2011 © Comune di Arezzo