Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

Il Comune
 

Aree Edificabili - determinazione della base imponibile ai fini del calcolo dell'imposta

L'art. 5 del D. Lgs. 504/1992 stabilisce che la base imponibile per le aree edificabili è costituita dal "valore venale in comune commercio" (valore di mercato).
Il regolamento comunale vigente prevede in proposito che la giunta comunale può determinare periodicamente e per zone omogenee del piano regolatore generale i predetti valori venali in comune commercio, al fine di limitare il potere di accertamento tributario del Comune. Ciò comporta che qualora l'imposta dovuta dal contribuente per l'area edificabile sia stata versata per un valore non inferiore a quello stabilito dalla giunta comunale, l'ufficio tributi non farà luogo ad alcun accertamento.
Da ultimo la giunta comunale, con deliberazione n. 325 del 12.5.2010 (e successivamente con Deliberazione G.C. n. 776 del 16/11/2010) ha approvato, a seguito dell'adozione del nuovo regolamento urbanistico, una tabella di conversione (delle classificazioni contenute nel regolamento urbanistico con la precedente zonizzazione utilizzata nel P.R.G. previgente) che consente al contribuente di conoscere il citato  valore venale per ciascuna zona edificabile. La tabella è disponibile in allegato a questa pagina. Si rammenta inoltre che la tabella individua valori differenziati per ciascuna zona ICI. Infatti il territorio comunale è stato suddiviso in sei zone omogenee per quanto attiene al valore, alla posizione, alla dotazione di servizi ed infrastrutture, alla vicinanza al centro storico ecc., così che ricadano in una stessa zona frazioni che, se anche non contigue, abbiano comunque le stesse caratteristiche.

ZONE ICI

  • Zona 1: comprende il Centro Storico - zona "A" di P.R.G. - e corrisponde alla "Città Murata";
  • Zona 2: definita come "Centro Urbano" - è quella esterna al Centro Storico, che si estende verso nord fino al Raccordo Semianulare e V.le S. Margherita e che, nelle parti rimanenti, coincide con l’edificato cittadino;
  • Zona 3: denominata "Periferica" - comprende le frange di insediamenti residenziali all'esterno del Raccordo Semianulare e le zone produttive adiacenti alla città;
  • Zona 4: zona collinare limitrofa al Centro Urbano, di contorno ad esso, che ha un immediato rapporto con il Centro Cittadino e comprende le seguenti frazioni:
    Agazzi - Vignale
    Bagnoro
    Gragnone
    S. Firmina
    S. Polo
    Staggiano - La Pace
  • Zona 5: denominata delle "Frazioni Meritevoli" - comprende le frazioni lontane dal Centro Cittadino, ma con caratteristiche di pregio ambientale e residenziale.
    Tali frazioni, pur non avendo immediato rapporto di relazione con il centro cittadino, presentano comunque una buona dotazione di servizi:
    Antria
    Case nuove di Ceciliano
    Ceciliano - Stroppiello
    Chiassa
    Giovi- P. alla Chiassa
    Indicatore
    Olmo
    Policiano
    Pratantico
    Puglia
    Quarata
    Rigutino
    S. Andrea
    S.Giuliano - Poggiola - Chiani
    Tregozzano
  • Zona 6: comprende tutte le altre aree del territorio Comunale, di cui si elencano le seguenti frazioni:
    Battifolle
    Campoluci
    Frassineto
    Marcena
    Meliciano
    Monte sopra Rondine
    Palazzo del Pero
    Patrignone
    Ponte Buriano - Cincelli
    Ruscello
    S. Zeno
    Venere
    Vitiano

E' pertanto possibile arrivare così alla determinazione, per ciascuna zona ICI e per ciascuna destinazione del nuovo Regolamento Urbanistico (adottato dal consiglio comunale con deliberazione n. 181/2009 esecutiva dal 29.11.2009), dei valori medi per il calcolo della base imponibile dell’imposta, rapportati a metro cubo edificabile.

Da tali valori medi si è poi individuato per ogni zona ICI e per ciascuna destinazione del regolamento urbanistico, un intervallo di valori con un limite minimo ed un limite massimo in funzione delle particolari caratteristiche di pregio che differenziano le singole aree. I limiti minimi, medi o massimi si applicano in relazione alle modalità stabilite nelle tabelle.

I valori di riferimento contenuti nelle tabelle pubblicate sono quelli applicabili a partire dal 1.1.2005.

La legge istitutiva dell'ICI dispone che in caso di utilizzazione edificatoria dell'area, di demolizione di fabbricato e di interventi di restauro, ricostruzione e/o ristrutturazione edilizia su fabbricati esistenti, la base imponibile è costituita dal valore dell'area. Per quest'ultimo si applicano le tabelle sopra richiamate.

OBBLIGHI DICHIARATIVI

Ai sensi della normativa ICI e dell'art. 11 del vigente regolamento comunale, il contribuente è tenuto a presentare dichiarazione in caso di nuova area edificabile o di variazione del valore della stessa.

Normativa

Dove Rivolgersi:
Sportello Unico
IndirizzoPiazza Amintore Fanfani 1 - 52100 Arezzo
Orario Estivodal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 14,00. Il sabato, per le denunce di morte e i servizi di polizia mortuaria e per le carte di identità, dalle ore 9,00 alle ore 12,00.
Orario Invernalelunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 8.30 alle 13.00 ; martedì e giovedì dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 17.30.
Telefono0575/377777
Fax0575/377766
Emailunico@comune.arezzo.it
Assessore
Direttore
Ufficio competente per materia:
Ufficio Tributi
IndirizzoPiazza Amintore Fanfani, 1 - 52100 Arezzo
Orario Estivodal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 13.00. Sabato chiuso.
Orario Invernaledal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 13.00, il martedì e il giovedì anche il pomeriggio dalle ore 15.15 alle ore 17.45. Sabato chiuso.
TelefonoPer ICI/IMU/TASI 0575 377 783 - 784 - 789; per TARI (dal Lun al Ven dalle 11 alle 13) 0575 377 748 - 747 - 789 per TOSAP/ICP/DPA e proventi fiere 0575 907821
Fax0575 377 740
Emaildirtributi@comune.arezzo.it
Assessore
Direttore Rossi Dott. Mario Daniele
Allegati
cartografia   107.7 kB  
« maggio 2017 »
maggio
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Sedi e orari

Sedi e orari uffici comunali

 

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo