Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

mercoledì, 26 Aprile 2017
Portale Il Comune Ufficio Servizi sociali e Politiche di coesione Notizie Presentazione della documentazione a completamento della pratica per l'assegnazione di contributi a sostegno degli affitti per l'anno 2016
Il Comune
 

Presentazione della documentazione a completamento della pratica per l'assegnazione di contributi a sostegno degli affitti per l'anno 2016

La documentazione a completamento della pratica dovrà essere presentata entro il 16/01/2017 - NESSUNA comunicazione verrà inviata agli interessati

Il contributo verrà erogato successivamente alla verifica degli avvenuti pagamenti del canone di affitto e dei requisiti previsti, e dopo la liquidazione da parte della Regione Toscana dei fondi concessi.

Ai fini della quantificazione del contributo effettivamente liquidabile agli aventi diritto collocati in graduatoria, i beneficiari sono tenuti a presentare:

  1. tutte le ricevute comprovanti il pagamento del canone locativo, anno 2016, debitamente compilate, sottoscritte e bollate a norma di Legge. Le ricevute, da produrre in originale o copia conforme, dovranno contenere in modo inequivocabile i seguenti dati: nome e cognome di chi effettua e di chi riceve il pagamento, importo, periodo di riferimento, ubicazione dell’immobile, firma leggibile del ricevente. Valgono come ricevute anche le distinte dei bonifici bancari o dei versamenti postali, contenenti i necessari dati identificativi. L'avvenuto pagamento del canone di locazione potrà essere dimostrato anche mediante apposita dichiarazione del proprietario (corredata da fotocopia del suo documento d'identità) attestante il regolare pagamento dell'affitto. In caso di presentazione parziale delle ricevute di pagamento, si procederà alla non emissione del mandato di pagamento per la quota parte del contributo erogabile.
  2. In caso di morosità: dichiarazione del proprietario, prodotta in originale e corredata da fotocopia del suo documento di identità, che attesti sia la propria disponibilità a ricevere direttamente l’eventuale erogazione del contributo a sanatoria parziale della morosità (L. 269/2004), sia l’avvenuta rinuncia alla procedura di sfratto per morosità riferita all’anno 2016. L’erogazione potrà avvenire anche tramite l’associazione della proprietà edilizia dallo stesso locatore per iscritto designata, che attesti l’avvenuta sanatoria con dichiarazione sottoscritta anche dal locatore (così come previsto dall’art. 11, comma 3, della Legge 431/98 modificato con Legge 269/2004).
  3. Solo se dovuto: l’eventuale rinnovo del contratto e/o l’attestazione del pagamento della tassa di registrazione successiva alla prima annualità (oppure apposita dichiarazione del proprietario di casa attestante l’opzione della cedolare secca).
  4. In caso di dichiarazione “I.S.E. zero” oppure inferiore rispetto al canone di locazione: dichiarazione del soggetto terzo che effettua l'eventuale sostentamento economico per consentire il regolare pagamento del canone. Tale documento, redatto in forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (utilizzando il modulo predisposto dagli uffici comunali), dovrà essere prodotto in originale (corredato da copia del documento di identità del benefattore) e dovrà specificare sia l’importo mensile del sostegno effettuato a titolo di mera liberalità, sia il numero di mensilità erogate. La mancata presentazione di questa dichiarazione entro il termine, farà venir meno il possesso del requisito previsto al punto n. 2 dell’art. 1 bis, con conseguente decadenza dalla graduatoria. Non potranno essere accolte le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà prodotte da cittadini stranieri residenti in Paesi esteri non UE. Come specificato all’art. 3, non occorre allegare la dichiarazione di un soggetto terzo, nel caso in cui il richiedente usufruisca di assistenza da parte dei Servizi sociali del Comune di Arezzo ed abbia segnalato tale condizione nel modulo di domanda.

In assenza di presentazione entro il termine perentorio del 16 gennaio 2017 della documentazione sopra richiesta, il contributo non potrà essere erogato né l’interessato potrà essere riammesso nei termini, né l’Ente provvederà ad inoltrare avvisi.

In caso di decesso del beneficiario, il contributo sarà assegnato agli eventuali eredi con lui conviventi alla data della domanda.

In assenza di questa possibilità il contributo - calcolato per il periodo di residenza del beneficiario nell’immobile, sulla base alla documentazione attestante l’avvenuto pagamento del canone di locazione - sarà corrisposto ad altri eventuali eredi, identificati sulla base di adeguata certificazione, da presentarsi al Comune entro il termine del 16 gennaio 2017.

Nel caso in cui il soggetto richiedente abbia, nel corso dell'anno 2016, trasferito la propria residenza in un altro alloggio nel Comune di Arezzo, il ricongiungimento dei periodi contrattuali, ai fini del calcolo del contributo erogabile, non verrà comunque ammesso qualora l'interruzione sia superiore ai 30 giorni. Effettuato il ricongiungimento dei periodi contrattuali, il contributo sarà erogabile solo previa verifica del mantenimento dei requisiti di ammissibilità della domanda, valutato tenendo conto dell’incidenza ottenuta dalla somma dei canoni riferiti ai diversi alloggi, rispetto all’ISE. L’entità del contributo non può in ogni caso superare il valore stimato per la collocazione in graduatoria. In caso di trasferimento in altro Comune sarà possibile erogare solo la quota di contributo spettante in relazione ai mesi di residenza nell’alloggio a cui si riferisce la domanda.

« aprile 2017 »
aprile
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo