Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

mercoledì, 18 Settembre 2019
Portale Il Comune Progetto per lo sviluppo delle attività economiche negli ambiti dei settori Edilizia e Suap e della promozione del territorio SUE News Disciplina per la promozione della qualità architettonica, sismica ed energetico ambientale: Incentivi economici ed edilizio-urbanistici.
Il Comune
 

Disciplina per la promozione della qualità architettonica, sismica ed energetico ambientale: Incentivi economici ed edilizio-urbanistici.

Possibilità di avvalersi del differimento dell'inizio lavori in caso di SCIA o CILA ai sensi dell'art. 147 della L.R. 65/2014.

 

In data 27/03/2018 il Consiglio Comunale ha approvato la Disciplina per l'applicazione di incentivi economici ed urbanistici alle trasformazioni edilizie del territorio comunale.

 

Link: ..http://www.comune.arezzo.it/il-comune/servizio-pianificazione-urbanistica/allegati-e-immagini/REG_EDIL_SOSTENIBILE_2018.pdf

 

Tale disciplina allegata al Regolamento Edilizio ha la finalità di promuovere la qualità architettonica ed energetico ambientale degli edifici, con l'obiettivo di incrementare il benessere degli utenti e di favorire il risparmio energetico.

Si tratta di una procedura FACOLTATIVA che si applica alle opere relative a:

NUOVI EDIFICI, (incentivi economici ed urbanistici);

ADDIZIONE VOLUMETRICA (incentivi economici ed urbanistici);

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CONSERVATIVA (incentivi economici);

RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO (incentivi economici).

 

Per attestare le prestazioni degli edifici ed il punteggio per l'ottenimento degli incentivi sono state predisposte n.10 SCHEDE DI VALUTAZIONE da compilare a cura del progettista, afferenti le seguenti aree di valutazione:

RISPARMIO DI RISORSE

QUALITÀ AMBIENTALE INTERNA

QUALITÀ URBANISTICA ED AMBIENTALE

 

Ai fini dell'attivazione del procedimento l’interessato è  tenuto a presentare, contestualmente alla domanda di permesso di costruire o al  deposito della SCIA o della CILA, la seguente documentazione:

- istanza di valutazione della qualità architettonica, sismica ed energetico ambientale redatta sul modello predisposto dal Comune ai fini dell'accesso agli incentivi;

- relazione descrittiva delle indagini conoscitive svolte sugli elementi ambientali e territoriali condizionanti le scelte progettuali;

- schede tecniche di cui all’allegato A4 riportanti l’attribuzione del punteggio autodeterminato, con gli eventuali documenti richiesti relativi agli specifici elementi progettuali;

- modulo di attribuzione del punteggio complessivo raggiunto di cui all'allegato A5.

La documentazione è sottoscritta da uno o più tecnici abilitati, il quale assevera la rispondenza del progetto ai requisiti qualitativi/quantitativi e ai livelli prestazionali riportati nelle Schede.

 

Per l'attivazione del procedimento in oggetto contestuale al deposito della SCIA o della CILA, l'interessato può avvalersi di quanto disposto dall'art. 147 comma 2 e 2bis della L.R. 65/2014 ( cd. SCIA e CILA a efficacia differita) che di seguito si riporta:

 

Art. 147: Istanza di acquisizione degli atti di assenso, differimento dell’inizio lavori nella SCIA e nella CILA

1. Ai fini della realizzazione degli interventi di cui all’articolo 134, comma 2, e all’articolo 135, l’interessato richiede allo sportello unico di acquisire tutti gli atti di assenso comunque denominati, necessari per l’intervento edilizio. Tale istanza può essere presentata contestualmente alla SCIA. Ai fini dell’acquisizione di tali atti, lo sportello unico convoca una conferenza di servizi ai sensi del capo IV della l. 241/1990, fatto salvo quanto disposto dal Codice e dal d.p.r. n. 31/2017. L’interessato può richiedere allo sportello unico di acquisire tutti gli atti di assenso comunque denominati, necessari per l’intervento edilizio. Tale istanza può essere presentata contestualmente alla SCIA. Lo sportello unico trasmette tempestivamente all’interessato la comunicazione relativa alla acquisizione degli atti di assenso. 

2. In caso di presentazione contestuale della SCIA e dell’istanza di acquisizione di tutti gli atti di assenso comunque denominati,necessari per l’intervento edilizio, l’interessato può dare inizio ai lavori solo dopo la comunicazione da parte dello sportello unico dell’avvenuta acquisizione dei medesimi atti di assenso o dell’esito positivo della conferenza di servizi di cui al comma 1. In caso di esito negativo di tale conferenza, la SCIA è priva di effetti. 

2 bis. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 si applicano anche alla CILA di cui all’articolo 136, comma 4, qualora siano necessari atti di assenso, comunque denominati, per la realizzazione dell’intervento edilizio.

 

« settembre 2019 »
settembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30
 

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo